Nelle ultime 24 ore i positivi COVID19 sono stati 499, incrementando notevolmente rispetto ai numeri precedenti.

COVID-19: Gli ultimi dati del ministero della Sanità relativi a ieri mattina hanno mostrato 238 nuove infezioni da giovedì sera e 499 nelle ultime 24 ore, portando il conteggio nazionale a 22.638.  Nel frattempo, altre quattro persone sono morte a causa del virus, portando il bilancio delle vittime a 313. 43 persone in gravi condizioni, 28 delle quali erano su ventilatori. Altre 54 persone in condizioni moderate, con il resto che presenta solo sintomi lievi o asintomatici. I numeri sembrano continuare la tendenza all’aumento dei tassi di infezione, con i giorni scorsi che hanno mostrato in media 400-500 nuovi pazienti al giorno. Il ministero della Sanità ha dichiarato che 16.937 test sono stati effettuati giovedì

Channel 12 ha riferito che la polizia e gli ispettori di tutto il paese sono stati impegnati in una maggiore attività di controllo distribuendo multe a coloro che hanno infranto linee guida del Ministero della Sanità, comprese le aziende che non aderiscono alle regole e le persone che non indossano le mascherine mentre si trovano in luoghi pubblici. L’operazione si è concentrata in particolare su luoghi ricreativi come ristoranti, caffè, sale per eventi che sono più inclini a raduni di massa e alla mancanza di distanza sociale.

Nel frattempo, 10 dipendenti e 9 residenti in una casa di cura ad Ahva, vicino ad Ashdod, sono stati diagnosticati con il virus, causando timori di ulteriori infezioni. Apparentemente i membri del personale sono stati infettati dal virus a causa un autista trovato positivo, che li trasportava al lavoro. Tutti presso la struttura ora sono stati testati. 160 lavoratori del Centro di ricerca nucleare Shimon Peres Negev fuori Dimona sono stati messi in quarantena dopo che a due lavoratori è stato diagnosticato il virus.

COVID-19 - www.israele360

Chezy Levy – Direttore Generale del Ministero della Sanità

Con il numero di casi che continuano ad aumentare, il governo ha  approvato giovedì una proroga di una settimana del blocco di un quartiere nella città beduina meridionale di Arara, che ha il più alto tasso di infezione pro capite di qualsiasi comunità in Israele.  Il direttore generale del Ministero della Sanità, Chezy Levy, è stato inoltre incaricato di approvare le restrizioni per un certo numero di altre comunità che hanno recentemente visto un aumento dei casi di coronavirus.

Nella città beduina di Rahat e Ajaffa, nel quartiere di Ajami, le limitazioni messe in atto dovevano essere rimosse ma l’applicazione di linee guida per il distanziamento sociale sarebbe stata intensificata, secondo le dichiarazioni del Ministero della Salute. Tre quartieri nella città meridionale di Ashdod dovranno affrontare restrizioni. Molte istituzioni educative chiuderanno nella città costiera centrale di Bat Yam, dove saranno bandite anche riunioni di oltre 10 persone. Il ministero ha detto che ci sarà anche una maggiore applicazione a Bat Yam nei matrimoni e in altri luoghi non specificati. Ci sono particolari preoccupazioni su Bat Yam perché ha una popolazione relativamente più anziana rispetto ad altre aree di epidemia.

Nel tentativo di fermare l’aumento, la Knesset ha proposto il disegno di legge per ripristinare il programma di sorveglianza dello Shin Bet (servizi di sicurezza interni n.d.r.) volto a rintracciare i vettori di virus e quelli esposti a loro, nonostante l’opposizione dell’agenzia stessa alla mossa. Inoltre, il ministro della Difesa Benny Gantz ha ordinato al comando del Fronte interno dell’IDF di aprire altri hotel per i pazienti affetti da coronavirus  per scopi di quarantena. L’esercito sta attualmente gestendo sei strutture per le persone infette e per coloro che non possono auto isolarsi adeguatamente a casa.