Il “Passaporto verde” dimostrerà che il titolare è stato vaccinato contro il coronavirus consentirà di saltare la quarantena, l’accesso a eventi culturali e ristoranti; può rendersi necessario per i viaggi all’estero

Il Ministero della Salute sta pianificando di rilasciare a coloro che sono stati vaccinati contro il coronavirus un “passaporto verde ” che garantirà una deroga alle restrizioni applicate per frenare l’epidemia del virus, come hanno riferito funzionari ai media in una serie di interviste domenica. Tra i diritti per i titolari ci sarà l’accesso a eventi culturali, sedersi nei ristoranti, e il diritto di non entrare in quarantena dopo l’esposizione a un portatore di virus diagnosticato positivo. Verrà rilasciato due settimane dopo che la persona avrà ricevuto il secondo “shot” dei due richiesti per il coronavirus. I sondaggi hanno mostrato che tra il 50% e il 75% degli israeliani afferma che rifiuterà di farsi vaccinare contro il coronavirus, apparentemente per timore che la fretta di produrre un vaccino possa averne compromesso la sicurezza. Israele si sta preparando a iniziare un programma di vaccinazione di massa la prossima settimana, con le prime da somministrare la prossima domenica, 20 dicembre.

Il “passaporto verde” consentirebbe anche ai viaggiatori di salire a bordo senza dover prima sottoporsi a un test antivirus, come è attualmente il requisito, come specificato Ministro della Salute Yuli Edelstein che ha inoltre sottolineato che l’idea non è quella di fornire un pacchetto di benefici per le persone che si vaccinano, ma che “coloro che non sono più in pericolo di essere malati da coronavirus possono fare cose che altri che sono ancora in pericolo di virus non possono fare. “

“Questo passaporto mostrerà che una persona è vaccinata e darà una serie di vantaggi come non doversi mettere in quarantena, accedere a tutti i tipi di eventi culturali, ristoranti e così via”, ha detto il direttore generale del ministero della Salute Chezy Levy che ha inoltre affermato che ci sarà una qualche forma di carta di vaccinazione internazionale simile che potrebbe offrire vantaggi agli israeliani vaccinati che viaggiano all’estero. I funzionari governativi vedono la possibilità di viaggiare all’estero come un incentivo chiave per il pubblico a ottenere la vaccinazione, ha riferito l’emittente pubblica Kan.

Sebbene i responsabili siano più ottimisti dei sondaggi sulla disponibilità del pubblico a essere vaccinati, si spera che il “passaporto verde” fornisca una forte motivazione, insieme alla probabilità che alcuni paesi non consentano agli israeliani di visitare a meno che non possano dimostrare di essere stati immunizzati contro il COVID19, afferma il rapporto, citando funzionari governativi. Il ministero della Salute istituirà anche un centro di comando speciale per contrastare la disinformazione sui social media sui vaccini, afferma il rapporto.

L’operazione avrà un team dedicato ai social media e collaborerà con la divisione israeliana di Facebook, nonché con il dipartimento informatico del Ministero della Giustizia, per rimuovere i post “problematici”. In casi estremi, i funzionari possono persino considerare di presentare una denuncia alla polizia se la diffusione delle informazioni è particolarmente errata e dannosa. Il primo ministro Benjamin Netanyahu e l’alto funzionario che sovrintende alla risposta pandemica del governo, domenica hanno affermato  che l’inizio della campagna di vaccinazione in Israele sarebbe stata spostata dalla sua data obiettivo del 27 dicembre a domenica prossima, 20 dicembre.  “La fine della pandemia è in vista. Fino ad allora chiedo [a tutti] di osservare le regole ”, ha detto il primo ministro durante una visita a un reparto di immunizzazione di massa a Tel Aviv.

Netanyahu ha detto che sarà il primo israeliano a farsi vaccinare contro il coronavirus.

Parlando al canale 20 domenica sera Netanyahu ha detto: “I rischi nel non prendere il vaccino sono di gran lunga maggiori dei rischi nel prenderlo, ed è per questo che mi farò vaccinare per primo e mi aspetto che tutti vengano vaccinati”. L’emittente pubblica Kan ha riferito che Netanyahu ed Edelstein intendono vaccinarsi in un evento filmato il prossimo sabato o anche prima. Ciò potrebbe rendere Netanyahu il primo leader mondiale a farsi vaccinare oltre al Presidente Reuven Rivlin, i direttori degli ospedali e i capi delle organizzazioni di assistenza sanitaria del paese saranno tra i primi a ricevere il vaccino. Saranno seguiti da operatori sanitari, ed il pubblico per la settimana dopo.

Yuri Edelstein – Ministro della Salute

Inoltre, l’ufficio del Ministro della Salute sta preparando un elenco di personalità dei media e celebrità che riceveranno il vaccino davanti ad una telecamera per dare l’esempio alla popolazione, come riferito da canale  13. Alti funzionari del Ministero della Salute hanno poi chiesto di sospendere gli sforzi per sviluppare un vaccino di fabbricazione israeliana, poiché “non ha senso se vacciniamo diversi milioni [con vaccini già approvati] in pochi mesi” e la risposta dei funzionari del Ministero della Difesa non si é fatta attendere – il cui Istituto biologico sta sviluppando il vaccino – sorpresi di sentire lo sviluppo attraverso i resoconti dei media, sostengono che non c’è motivo di eliminare tutto il lavoro che è già stato fatto.

Domenica scorsa, lo il responsabile coronavirus israeliano Nachman Ash ha detto che i funzionari sanitari stanno lavorando per spostare la data prevista per iniziare Vaccinare gli israeliani con il vaccino contro il coronavirus della Pfizer dopo che i regolatori statunitensi hanno dato il via libera alla vaccinazione. Il vaccino deve ancora essere approvato in Israele, ma il direttore del Ministero della Salute ha informato che potrebbe essere approvato nei prossimi giorni. Israele ha acquistato milioni di dosi del vaccino della Pfizer e il primo lotto è atterrato mercoledì scorso all’aeroporto Ben Gurion, mentre un altro volo che trasporterà decine di migliaia di vaccini che doveva arrivare entro questa settimana è stato ritardato di un giorno. L’attesa approvazione da parte di Israele del vaccino arriva mentre il paese è alle prese con l’aumento del numero di infezioni, con gli esperti che valutano i piani per inasprire le restrizioni – che poi vengono ritirati.

Dall’inizio dell’epidemia ci sono state 356.826 persone a cui è stato diagnosticato il coronavirus in Israele, secondo i dati del Ministero della Salute diffusi domenica sera, con 1.291 diagnosticati il ​​sabato.

Attualmente ci sono 16.801 pazienti affetti da virus attivi e 2.999 sono morti a causa della pandemia.