COVID19: Israele inaugura la prima linea di produzione di maschere “blu e bianca”

Questo è il primo del suo genere in Israele e tra i pochi paesi in tutto il mondo.

Israele ha inaugurato la sua prima linea di produzione per maschere N95, con una produzione sino a due milioni al mese. Le maschere N95 sono maschere di grado medico con una capacità di filtraggio del 95% e sono fondamentali per i medici che entrano in contatto diretto con pazienti affetti da coronavirus. L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda a tutto il personale medico di indossare questa tipologia di maschere.

Questa è la prima linea di produzione del suo genere in Israele e tra le poche in tutto il mondo. È stato istituito dalla direzione di produzione e approvvigionamento (DOPP), presso il ministero della Difesa nella città meridionale di Sderot.

“Mi congratulo con le importanti attività della direzione degli appalti e dell’intero ministero della Difesa, che incoraggia la produzione [locale]” in bianco e blu “”, ha dichiarato il ministro della Difesa Benny Gantz. “Lo Stato di Israele sta combattendo un virus che minaccia e prende vite umane”. “Ci stiamo preparando per una seconda ondata di virus e stiamo anche entrando in un periodo di routine con uno sfondo di coronavirus”, ha affermato. “Questa attività rimuove la nostra dipendenza da fattori stranieri, contribuisce all’economia israeliana durante un periodo difficile e offre anche opportunità di lavoro ai residenti del Sud di Israele”. Durante la prima ondata del nuovo coronavirus, Israele ha lottato per ottenere rifornimenti, a volte richiedendo al Ministero della Difesa e al Mossad di eseguire missioni per portare maschere e altri dispositivi di protezione in Israele.

“Bisogna capire che esiste una ” corsa agli armamenti ” in tutto il mondo sulla questione del kit [test]”, ha dichiarato il vicedirettore generale del Ministero della Salute Itamar Grotto durante una riunione del Comitato Coronavirus della Knesset dell’1 aprile. “Ne abbiamo piazzati molti ordini, ma la maggior parte di essi è fallita a causa dell’embargo e di altri problemi . Non c’è nient’altro che possiamo fare se non fidarci di noi stessi. “