Gonen Usishkin, CEO di El Al, ha ordinato il rientro di tutti i velivoli in Israele. Tutti i voli, compresi i voli passeggeri e merci, vengono cancellati fino a nuovo avviso.

El Al ha cancellato tutti i voli previsti, dopo che il sindacato ha annunciato che i piloti non avrebbero intrapreso i voli a causa della crisi finanziaria della compagnia.

El Al ha perso $ 140 milioni, circa mezzo miliardo di NIS, nel primo trimestre del 2020, secondo un rapporto della società martedì. Il sindacato dei piloti ha annunciato martedì sera che dopo che “l’amministrazione della compagnia non ha nemmeno rispettato gli accordi firmati con il sindacato meno di un mese fa, il sindacato non ha avuto altra scelta che arrivare alla conclusione che i responsabili della compagnia non sono in grado di salvarla dalla sua situazione “. La disputa tra i piloti e la compagnia fu causata anche dal rifiuto di El Al di trasferire i piloti Boeing 737 su aerei Dreamliner per voli cargo e passeggeri, secondo il giornale Maariv. El Al aveva annunciato che era in fase avanzata di arrivare a un accordo per ricevere aiuti dal governo, ma aveva ancora bisogno dell’accordo dei lavoratori e dei sindacati per ricevere tali  aiuti.

Dall’inizio della crisi del coronavirus, circa 100 piloti hanno continuato a lavorare per El Al, mentre gli altri sono andati in congedo non retribuito.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui