Nascosto nelle grotte del deserto della Giudea per oltre 2000 anni, i Rotoli del Mar Morto includono alcuni dei più antichi manoscritti della Bibbia, così come altri testi religiosi.

Poche persone hanno familiarità con il nome di Tanya Bitler, una conservatrice di 63 anni della Israel Antiquities Authority (IAA), che si è trasferita in Israele dalla Russia alla fine del 1990. Tuttavia, le sue mani sono state mostrate dai media in tutto il pianeta per un motivo unico: attualmente è l’unica persona al mondo in grado di toccare e maneggiare i leggendari rotoli del Mar Morto e le sue dita avvolte in guanti che tengono delicatamente o indicano un frammento che compaiono regolarmente nelle immagini che vengono diffuse al pubblico quando emergono nuove scoperte. Dalla loro scoperta negli anni ’40 e ’50, i rotoli – che includono circa 25.000 frammenti – sono stati oggetto di curiosità per migliaia di studiosi e milioni di persone in Israele e in tutto il mondo.

Tanya Bitler

Nascosto nelle grotte del deserto della Giudea per oltre 2000 anni, i manufatti includono alcuni dei più antichi manoscritti della Bibbia, così come altri testi religiosi. Per decenni, tuttavia, i rotoli hanno subito un terribile deterioramento: le diverse condizioni climatiche della loro nuova casa di Gerusalemme e una serie di tentativi ben intenzionati ma mal eseguiti di studiosi e conservatori di preservarli hanno causato danni molto gravi. Nel 1991, lo IAA (Israel Antiquities Authority ) iniziò ad affrontare il problema della conservazione dei Rotoli del Mar Morto, che portò alla creazione di un’unità e di un laboratorio dedicati al loro benessere. Tanya Bitler è stata una delle quattro persone assunte per lavorare come conservatrice nel progetto nel 1992, grazie al suo background in storia e archeologia, nonché una laurea in campo e dieci anni di lavoro come curatrice presso il Museo architettonico ed etnografico Khokhlovka nella città russa di Perm.

“Abbiamo iniziato il nostro lavoro guardando il materiale, per familiarizzare con la nostra collezione”, ha spiegato. “Inoltre, abbiamo iniziato a eseguire diversi test su pergamene moderne per capire come intervenire per proteggere i rotoli, oltre a studiare il problema in modo teorico. Alla fine abbiamo invitato gli esperti del Getty Conservation Institute di Los Angeles, che è stata la prima entità a sviluppare una competenza sulla conservazione di questo tipo di materiale, impiegando biologi, chimici e così via. Sono venuti nel nostro laboratorio per studiare i nostri problemi e sviluppare una metodologia per farci lavorare su di essi “. Ancor più che la ricerca, il primo obiettivo dell’iniziativa della  IAA era la conservazione. Nei decenni precedenti, frammenti di pergamene che si ritenevano adatti e si erano attaccati usando del nastro adesivo scozzese, altre forme di colla venivano anche utilizzate sui manoscritti per diversi scopi, mentre gli esperti pensavano che il modo migliore per proteggere i manufatti fosse posizionarli tra due lastre di vetro la cui pressione finiva per rendere le pergamene più scure e i loro bordi gelatinizzati.

Dopo che i primi anni furono dedicati allo studio, Bitler e gli altri studiosi iniziarono a trattare delicatamente i rotoli, estraendoli dalle lastre di vetro, a meno che il danno non lo avesse reso impossibile, conservandoli in lastre di cartone più adatte e rimuovendo la colla e il nastro. “È un processo molto lento e dispendioso in termini di tempo, anche perché i rotoli richiedono un monitoraggio e una manutenzione costante. Siamo stati in grado di trattare circa metà della nostra collezione “, ha affermato Bitler.

Il principio del laboratorio è quello di eseguire solo interventi che non rischino di causare ulteriori danni e che possano essere invertiti, nel caso in cui il futuro porti nuovi sviluppi tecnologici che possano aiutare i rotoli in modo più efficace ad essere conservati. Inoltre, per evitare danni da parte di mani inesperte, gli esperti presso l’IAA Scroll Sea Sea Scroll Unit, che attualmente si trova nel campus del Museo di Israele, sono le uniche persone autorizzate a toccarli e gestirli. Negli ultimi dieci anni è stata realizzata una grande iniziativa di digitalizzazione, utilizzando l’imaging multispettrale ad alta risoluzione. Tutti i frammenti dovevano essere rimossi dal caveau dove venivano normalmente conservati e collocati manualmente nell’apparecchiatura speciale per fotografarli alla massima risoluzione possibile e in varie lunghezze d’onda, un compito che richiedeva le mani di Bitler e dei suoi colleghi. Molte nuove strade di ricerca sui rotoli si sono progressivamente aperte attraverso l’intersezione di archeologia e scienze. Ad esempio, un gruppo di ricercatori ha analizzato il DNA delle pelli di animali utilizzate per produrre le pergamene di alcuni rotoli, in un’iniziativa pluriennale i cui primi risultati sono stati annunciati all’inizio di questo mese. Anche quando alcuni rotoli vengono occasionalmente prestati a musei di tutto il mondo, gli esperti sono quelli che si occupano di tutti gli aspetti del processo di preparazione. Nessun altro impone le mani sui manufatti. Negli ultimi mesi, tuttavia, tre studiosi che per oltre un quarto di secolo si sono occupati di queste delicate attività si sono ritirati, lasciando Bitler come l’unico rimasto nell’unità, almeno per il momento.

Altri esperti nascenti sono attualmente in fase di formazione, ma l’esperto ha spiegato che ci vorranno almeno due anni di duro lavoro per essere in qualche modo competenti in alcuni aspetti dell’attività e cinque anni per essere completamente pronti a subentrare.

“Nel frattempo, ho ancora qualche anno di lavoro davanti a me”, ha affermato. Anche dopo 28 anni, Tanya Bitler ha sottolineato che lavorare con le pergamene rimane un aspetto speciale della sua vita. “Certo che sono ancora emozionata. Sono molto felice di lavorare in laboratorio e ho una grande responsabilità “, ha concluso. “Ogni frammento è diverso dall’altro, ognuno ha caratteristiche diverse e ha sofferto di problemi diversi. Trattare con ognuno di essi è sempre una esperienza unica. “

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui