Startup presenta succose bistecche vegane stampate in 3D

Redefine Meat afferma di aver creato la prima bistecca stampata in 3D a base vegetale e di averla cucinata con la consistenza, il gusto e l’aspetto reale.

Una startup israeliana, Redefine Meat, ha svelato martedì quella che si diceva fosse la prima bistecca al mondo a base vegetale creata utilizzando la stampa 3D industriale e ha annunciato che inizierà a testare i tagli nei ristoranti di fascia alta in Israele il mese prossimo.

“In realtà stampiamo bistecche”, ha affermato Eshchar Ben-Shitrit, che ha creato la società, precedentemente nota come Jet Eat, nel 2018. “Abbiamo un prodotto. È qualcosa che stiamo già facendo in grandi quantità. ” Il prodotto replica completamente la struttura muscolare della carne bovina. È ricco di proteine, senza colesterolo e ha un aspetto, una cottura, una sensazione e un sapore di manzo. “L’annuncio di oggi segna l’inizio di una nuova era nella carne alternativa – l’era della bistecca”, ha detto Ben-Shitrit.

redefine steak - www.israele360.comLa società ha recentemente ospitato lo chef israeliano Assaf Granit nei suoi uffici per una degustazione. Lo chef ha dichiarato, in un video per The Great Big Jewish Food Festival, che otto persone su dieci non saprebbero la differenza tra la carne vera e la carne alternativa prodotta dall’azienda e che il sapore di una delle sue ricette con il prodotto Redefine Meat ha reso il piatto “quasi identico” all’originale. Il mercato globale dei sostituti della carne dovrebbe raggiungere $ 8,1 miliardi entro il 2026, secondo la società di dati Allied Market Research. Le aziende che hanno fatto notizia nel settore sono Beyond Meat Inc, con sede a Los Angeles, produttore di sostituti di carne a base vegetale commercializzato al Nasdaq i cui prodotti simulano pollo, manzo e salsiccia di maiale, e sono disponibili nella maggior parte dei negozi di alimentari negli Stati Uniti e presso le catene di ristoranti. Un altra azienda è Impossible Foods Inc., azienda californiana che seleziona proteine ​​e sostanze nutritive dalle piante per ricreare l’esperienza e la nutrizione dei prodotti a base di carne. La società ha lanciato Impossible Burger nel 2016, disponibile nei negozi di alimentari negli Stati Uniti; il suo prodotto di salsiccia a base vegetale è disponibile presso Starbucks negli Stati Uniti.

In Israele, Aleph Farms Ltd. ha creato una bistecca in provetta, utilizzando cellule di carne, che dice che sembra una bistecca ma è stata prodotta senza uccidere animali. Redefined Meat utilizza stampanti 3D e “inchiostro” per “stampare” le bistecche. L’azienda mira a vendere le stampanti e le cartucce ai distributori di carne di tutto il mondo, che stamperanno e distribuiranno la carne una volta prodotta. L ‘”inchiostro” è composto da ingredienti a base vegetale simili a quelli che mangia una mucca, ha spiegato Ben-Shitrit in un’intervista telefonica. Contiene proteine ​​di legumi e cereali, per creare la struttura muscolare della carne alternativa; contiene anche grassi delle piante, per imitare il grasso di manzo, sapori e colori naturali, per imitare il fattore ematico nella carne e la sua succosità. “È davvero unico per noi; siamo gli unici a farlo. Ci avviciniamo molto a come è la composizione della carne in natura e la nostra stampante 3D è essenzialmente come un robot molto complicato che sa come prendere ognuno di questi ingredienti e in modo molto accurato … costruisce un prodotto alimentare. “

Questi sono tutti combinati con acqua e inseriti in tre cartucce di inchiostro che vengono caricate in una stampante 3D delle dimensioni di un grande frigorifero.

Nella stampante, i materiali sono sottoposti a un processo di ingegneria alimentare e il prodotto finale espulso dalla macchina ha la struttura del muscolo e grasso e sangue simili a quelli di una mucca, ha spiegato. La macchina stampa “un punto sopra l’altro e il prodotto è costruito da quasi un milione di punti”, ha detto Ben-Shitrit. Il software può dettare esattamente quale tipo di bistecca fare, ad esempio un entrecôte, disponendo i punti in modo diverso, ha aggiunto.

Eshchar-Ben-Shitrit – CEO di Redefine Meat

“Usando formulazioni separate per muscoli, grasso e sangue, possiamo concentrarci su ogni singolo aspetto della creazione del prodotto perfetto per bistecche. Questo è unico per la nostra tecnologia di stampa 3D e ci consente di ottenere un controllo senza precedenti “. La capacità produttiva di ogni macchina è di sei chilogrammi l’ora (13,3 libbre); alla fine raggiungerà 200 chilogrammi di carne al giorno, ha detto. Poiché la pandemia di coronavirus ha distrutto i piani per testare con degli chef in Germania e Svizzera, l’attenzione sarà esclusivamente in Israele, ha detto. Sulla base del feedback di chef e macellai, la società aumenterà quindi la produzione delle sue stampanti di carne 3D e formulazioni di carne alternativa prima della distribuzione sul mercato in Israele entro la fine del 2021. L’idea, ha affermato Ben Shitrit, non è quella di creare un altro piatto vegano nel menu di un ristorante, ma di offrire ai commensali la possibilità di ordinare un vero piatto da chef a base di carne con l’opzione Redefine Meat. Il processo di cottura è come quello della cottura della carne, alla griglia o in padella o in uno stufato. Ma proprio come devi sapere come cucinare la tua bistecca, devi anche sapere come cucinare la carne. “È come gestire un nuovo taglio”, ha detto Ben-Shitrit.

La tecnologia è anche in grado di produrre pollo, maiale, agnello e tonno rosso, ha affermato. Ma il focus al momento è sulla carne bovina, perché l’allevamento di mucche per l’industria della carne è un grande problema ambientale. “La carne è sia kosher che parve”, ha detto – il che significa che non è considerato un prodotto a base di carne o latte ai sensi delle leggi dietetiche ebraiche. Anche un eventuale prodotto suino, per quanto strano possa sembrare, “sarebbe kosher e pareve”, ha aggiunto.

Poiché i prodotti utilizzano ingredienti alimentari approvati esistenti, non ci sono requisiti speciali della FDA, ha affermato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui