Nuove misure annunciate dal gabinetto dedicato al coronavirus, ma saranno sufficienti a ridurre i contagi ?

COVID19 : oggi, il Ministero della Sanità ha riferito che nell’ultimo giorno sono state contagiate più di 450 persone. La riunione di gabinetto per il  coronavirus ha deciso che le cerimonie,  funerali, preghiere, e altre attività religiose come le circoncisioni, saranno limitate a 50 persone. I matrimoni rimarranno a 250 ospiti fino al 10 luglio, momento in cui saranno ridotti a non più di 100 persone.

Gli eventi culturali possono continuare a funzionare con 250 partecipanti. Alle università viene chiesto di effettuare online gli esami finali e circa il 30% dei dipendenti del settore pubblico inizierà a lavorare da casa. Le misure sono state implementate sullo sfondo di un numero crescente di pazienti in gravi condizioni. A partire da lunedì mattina ci sono state 46 persone con sintomi gravi.  Il gabinetto ha convocato un appello molto più restrittivo da parte del Ministero della Salute, che ha raccomandato di limitare le riunioni sociali a 20 persone, gli eventi a 50 persone e gli eventi culturali a 250 persone; gestione di campi estivi in ​​capsule; consentire la preghiera solo in spazi aperti e con un massimo di 19 persone oltre ad annullare eventuali conferenze o mostre.

Secondo i media israeliani, i ministri non accetterebbero norme così severe al fine di preservare l’economia. Domenica, il nuovo direttore generale del Ministero della Salute Chezy Levy ha descritto la proposta del suo ministero come “accolta con rabbia”. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha promesso di prendere nuove iniziative per aiutare l’economia israeliana a guarire dall’impatto della pandemia in una riunione della sua parte politica. “Siamo sempre in tensione tra il mantenimento della nostra salute e l’ economia”, ha detto. “Mi impegnerò a fondo nelle questioni economiche. Farò in modo che il denaro promesso arrivi alle persone e proporrò nuovi programmi innovativi per far muovere l’economia”.

Netanyahu e il ministro delle finanze Israel Katz hanno annunciato un nuovo piano NIS da 2 miliardi per sostenere le imprese in crisi, ampliando i criteri per ricevere sovvenzioni governative e le risorse a loro dedicate. Le aziende con un fatturato fino a 100 milioni di NIS saranno ora in grado di fare domanda, così come i professionisti autonomi con un fatturato fino a 300.000 NIS. È stata inoltre confermata la concessione di 7.500 NIS per ciascun lavoratore ricondotto al lavoro dalla disoccupazione.

Secondo il National Insurance Institute, il numero di persone che hanno presentato domanda di disoccupazione che non sono tornate al lavoro è pari a 673.567. Dall’inizio della crisi 1.074.905 israeliani hanno richiesto sussidi di disoccupazione. Di queste domande, oltre il 92% è stato accettato. Inoltre, il Ministro della Difesa Benny Gantz ha sottolineato la necessità di dare priorità alla lotta contro COVID-19 e alle sue implicazioni finanziarie. “Insieme sconfiggeremo il coronavirus e ci occuperemo del suo impatto economico e medico”, ha detto in una riunione della fazione blu e bianca nella Knesset. “Ciò che non è collegato al coronavirus aspetterà.”

Gantz ha anche affermato di aver chiesto al Ministero della Difesa di essere l’organismo incaricato di attuare le misure contro il virus, in quanto entità migliore in Israele per far fronte a situazioni di emergenza. “Siamo nel mezzo di un incidente in corso e l’unico organo che può occuparsene insieme al gabinetto di sicurezza e al ministero della Sanità è il ministero della Difesa”, ha dichiarato Gantz.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui