Le cifre del Ministero della Salute mostrano 172 pazienti in gravi condizioni, con 53 assistiti da ventilatori e i pazienti positivi aumentano a 20.333

Il ministero della Sanità ha dichiarato oggi pomeriggio che 1.221 persone sono state diagnosticate con il coronavirus nelle ultime 24h, portando il numero totale di pazienti attivi a 20.333. Altre due persone sono decedute, portando il bilancio delle vittime a 364.

Erano 160 i pazienti COVID-19 in gravi condizioni, un salto di 21, con altri tre pazienti assistiti da ventilatori, portando ad un totale a 53. Altri 102 sono stati descritti come in condizioni moderate, mentre il resto presentava sintomi lievi o assenti, secondo quanto indicato dal Ministero della Sanità. Le ultime settimane hanno visto l’inversione di molti dei precedenti vantaggi ottenuti nella lotta contro il coronavirus dei primi mesi. Il paese era stato messo in lockdown per diverse settimane a livello nazionale a metà marzo, ma ha rimosso la maggior parte delle restrizioni entro maggio per riaprire l’economia.

Per contenere l’ondata di nuovi casi, il governo ha reintrodotto molte restrizioni su incontri e attività economiche e venerdì sono entrati in vigore numerosi blocchi nei quartieri di cinque città colpite duramente dall’epidemia di coronavirus. Tale misura è arrivata un giorno dopo che i ministri del governo hanno approvato le chiusure poiché il numero di nuovi casi in Israele ha continuato a salire, colpendo oltre 1.000 al giorno. Le nuove cifre arrivano quando gli esperti hanno avvisato della necessità di ulteriori blocchi e mentre i legislatori hanno discusso il merito dei nuovi regolamenti introdotti dal governo la scorsa settimana.

Tra il crescente numero di casi, una squadra di esperti dell’Università domenica mattina ha presentato al governo una cupa previsione che un centinaio di israeliani potrebbero perdere la vita per coronavirus entro la fine di luglio. Hanno quindi raccomandato il ripristino di restrizioni rigorose a partire dalla prossima settimana, compreso un blocco a livello nazionale, se il tasso di nuove infezioni non rallenterà per allora.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui