Le aziende Hitech se ne vanno dai loro uffici dando la scossa al mercato immobiliare

“Avvisano semplicemente il proprietario che stanno per partire, in alcuni casi a metà contratto, che naturalmente non vanno bene”, afferma l’agente immobiliare.

Una delle chiare vittime della crisi del coronavirus (Covid-19) è il mercato immobiliare nell’ambito business, che è direttamente influenzato dai modelli del mercato del lavoro. Qualsiasi ottimismo che potrebbe essere rimasto durante la prima ondata dell’epidemia, a marzo e aprile, sta ora evaporando sullo sfondo della tendenza crescente delle grandi aziende a rinunciare ai loro uffici e a passare a un lavoro smart working.

Proprio questa settimana, il NASDAQ e LivePerson, quotati su TASE, hanno annunciato che avrebbe adottato il modello Work From Home fino a quando non sarà disponibile un vaccino. L’azienda impiega 1.300 persone che occupano 6.300 metri quadrati  nei loro edifici in tutto il mondo, tra cui 350 persone nel Raanana High-Tech Park. Si stima che la società risparmierà $ 12-15 milioni all’anno a seguito del cambiamento. Alcuni ritengono che il mercato del lavoro abbia raggiunto il punto di non ritorno e che il lavoro a domicilio o in remoto aumenterà. Altri credono che dopo che la crisi del coronavirus è finita, i dipendenti torneranno all’ufficio familiare. È chiaro, tuttavia, che le decisioni che le aziende stanno prendendo in questo momento si basano principalmente su considerazioni economiche e sul desiderio di ridurre le spese, insieme al desiderio di evitare ulteriori shock che derivano dall’ulteriore diffusione della pandemia.

“Abbiamo già visto aziende che hanno lasciato spazi da 15.000 a 20.000 metri quadrati”, ha affermato Dani Geffen, co-CEO di Exit Real Estate, che si concentra sulla consulenza e la protezione di spazi per uffici per aziende tecnologiche. Ha detto che l’impulso di presentare risparmi immediati ha portato molti manager del settore tecnologico a informare i proprietari di immobili che lasceranno i loro uffici. Il problema sorge quando alcune aziende sentono di poter prendere decisioni in totale autonomia. Notificano semplicemente al padrone di casa che lasceranno, in alcuni casi a metà contratto, il che naturalmente non va bene. Presumono che, nel peggiore dei casi vengano citati in giudizio, saranno in grado di rivendicare cause legate alla pandemia”.

“Riceviamo chiamate da parte di aziende che vogliono affittare mezzo piano o un quarto di piano. A volte queste sono per uffici in luoghi super alla moda di inquilini che sono entrati solo un anno fa e hanno investito migliaia di shekel per metro quadrato in ristrutturazione e design “, Ha dichiarato Geffen.” Sono pronti a subaffittare anche a prezzi bassi. Ci sono aziende che chiedono tre quarti di ciò che pagano in affitto, a condizione che porti un inquilino “. Oltre al sub-leasing e al passaggio al lavoro da casa, le aziende che hanno continuato a lavorare dagli uffici e i cui contratti sono scaduti, si rendono conto che questo è il momento ideale per aggiornare il loro contratto di noleggio o acquistare il proprio spazio ufficio. Le aziende possono ora si trovano in una situazione sicuramente più interessante o un area più ampia per una somma simile a quella che stanno pagando.

Secondo Elad Fuchs, CEO di Index Real Estate, che si occupa di consulenza e intermediazione di uffici ed è il rappresentante israeliano di Savills Global, molte aziende comprendono che ora è il momento giusto per acquistare uffici. Mentre questi potrebbero non essere affari enormi, quando li aggiungi tutti è un volume significativo. A differenza dei proprietari di immobili che si trovano in difficoltà, la crisi attuale ha portato con sé molti investitori che sono stati lasciati nelle tasche profonde e stanno cercando di sfruttare la situazione per acquistare beni a prezzi stracciati. Le persone attive nel settore immobiliare, tuttavia, affermano che anche se c’è una pressione per l’affitto o la vendita, i proprietari di immobili non sono ancora pronti a raggiungere tali prezzi, almeno per ora.

Le riduzioni di prezzo possono anche essere rilevate tra le società grosse che detengono dozzine di edifici per uffici, ma secondo fonti del settore, queste società continuano a mantenere una parvenza di attività come al solito e mirano gli sconti solo dopo aver avviato le negoziazioni. Inoltre, la flessibilità non deve essere espressa solo nel prezzo richiesto e può riflettersi anche nei budget di rinnovo, periodi più lunghi (rinvio dei primi pagamenti di locazione), contratti di locazione più brevi e riduzioni dirette dei prezzi. Tutte queste opzioni esistevano nel settore prima della crisi di Covid-19, ma sono più diffuse.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui