Il primo ministro Benjamin Netanyahu spera di aprire Israele alla Grecia e a Cipro il 1 ° agosto, ma non é il caso di iniziare a fare i bagagli.

Possiamo davvero prepararci per le vacanze in Grecia e Cipro dopo il 1 agosto? Il settore del turismo e delle vacanze di Israele attendeva con impazienza l’incontro tra il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il Primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis a Gerusalemme, che avrebbe dovuto annunciare la riapertura dei confini di Israele.

Netanyahu ha dichiarato all’inizio della riunione, “Vogliamo segnare il 1 ° agosto come data obiettivo per una possibile apertura del turismo israeliano in Grecia e Cipro. Dipende dal tasso di infezioni”. Quindi nota che Netanyahu ha qualificato la dichiarazione con “possibile” – in altre parole non esiste un piano o un accordo ufficiale. Naturalmente lo ha anche ulteriormente confermato  con i discorsi sul tasso di infezioni, che in questi giorni in Israele non è incoraggiante. Esistono già accordi tra paesi “verdi” con bassi tassi di infezione da aprire al turismo. Questi accordi creano bolle turistiche – in altre parole una decisione reciproca tra i paesi per allentare la necessità di autoisolamento quando si va all’estero e si ritorna. Allo stato attuale delle cose in Israele, non sono ammessi titolari di passaporti stranieri e gli israeliani di ritorno dall’estero devono auto isolarsi per 14 giorni.

Un annuncio ufficiale dell’Ufficio del Primo Ministro dopo l’incontro con il Primo Ministro greco, si è leggermente ampliato e ha ripetuto quanto detto in precedenza,. “Stiamo parlando di una data obiettivo del 1 agosto per l’apertura dei cieli verso destinazioni in Grecia e Cipro. Dipende anche da cosa accadrà con il coronavirus, ma se i numeri lo consentono, questa è la data obiettivo per l’apertura dei cieli. ” Nel frattempo, prima di affrettarsi a prenotare una vacanza, vale la pena ricordare che i dati del Covid-19 in Israele non classificano più il paese come una proposta attraente per il turismo. Sebbene gli accordi con la Grecia e Cipro siano reciproci, è chiaro che la maggior parte dei movimenti vedrebbero israeliani che viaggiano all’estero, principalmente perché la Grecia e Cipro sono paesi marginali in termini di turismo in entrata in Israele, che è molto costoso sotto ogni punto di vista.

Cipro ha comunque già cambiato la classifica di Israele da un paese di grado A con il minor coronavirus a rischio medio a  grado B. Ciò richiederebbe agli israeliani che si recavano a Cipro di presentare un test Covid-19 negativo valido fino a 72 ore prima del loro arrivo. Non è chiaro se gli israeliani sarebbero pronti ad andare in vacanza se dovessero essere testati per primi. Queste categorie sono dinamiche, quindi entro il 1 agosto, se la nuova curva di infezioni di Israele è migliorata, Israele potrebbe tornare alla categoria A. E se gli israeliani avessero ancora bisogno di un test valido per arrivare a Cipro. Il Ministero della Salute afferma: “I vacanzieri non possono andare a fare un test in modo che possano volare. Lo Stato di Israele consente di eseguire test solo per esigenze secondo la legge”.

Le compagnie aeree sono pronte?

I dipendenti dell’Autorità aeroportuale israeliana hanno recentemente raggiunto un accordo in base al quale continueranno a ricevere i loro stipendi fino a settembre 2020, anche se non stanno lavorando. Questa potrebbe essere la data obiettivo per la quale il governo prevede di riaprire i confini.

Le compagnie aeree israeliane sono pronte per riaprire i cieli o i vettori stranieri riempiranno il vuoto? Sia Arkia che El Al hanno già informato i dipendenti che rimarranno a casa almeno fino alla fine di luglio. Israir ha operato su un programma limitato per Eilat ed Europa e sarebbe nella posizione migliore per trarre vantaggio dal traffico aereo pesante e vendere pacchetti turistici agli israeliani che volano in Grecia e Cipro dal 1 ° agosto. Nel frattempo, in Israele, l’industria turistica è in difficoltà. Gli albergatori a Gerusalemme e Tel Aviv possono aspettarsi che il turismo domestico compensi l’assenza di turisti stranieri. Sono state lanciate importanti campagne pubblicitarie per attirare i turisti israeliani negli hotel locali, ma probabilmente sarà sufficiente per salvare un anno perduto.

Nessuna fretta di aprire i cieli

Incoraggiare il turismo domestico è uno dei motivi per cui Israele potrebbe non avere alcuna fretta di riaprire i suoi cieli. Impedire ai turisti israeliani di viaggiare all’estero è un modo per conservare i soldi in Israele: in hotel, ristoranti, negozi, luoghi di intrattenimento e attrazioni. Solo l’estate scorsa, 2,5 milioni di israeliani hanno volato all’estero in vacanza. Un secondo motivo per tenere chiusi i confini è il buon amico di Israele, gli Stati Uniti. Fonti del settore turistico sono convinte che Netanyahu troverà difficile aprire i confini del paese a determinati paesi, ma non agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono la destinazione turistica più popolare per gli israeliani e la fonte numero uno del turismo in entrata, ma molti ritengono impensabile che possa essere lasciato in un elenco di paesi “non sicuri”.

Quindi, nonostante tutto ciò, i cieli di Israele si apriranno alla Grecia e a Cipro il 1 agosto, come ha suggerito Netanyahu? Non è chiaro. Un lungo elenco di altri paesi “verdi” o “sicuri” tra cui Montenegro, Slovenia, Zanzibar e Seychelles non viene più pubblicizzato sui giornali. Il Ministero della Salute non offre alcun indizio in una dichiarazione secca sulla questione. “La decisione sulla data e il modo in cui Israele riaprirà a persone che non sono residenti israeliani sarà decisa dal governo in base al tasso di infezione”.

In ogni caso, potrebbe essere troppo presto per iniziare a fantasticare su una vacanza all’estero e fare le valigie.