Il divieto di ingresso per gli stranieri in Israele è stato prorogato sino al 1 agosto

Il divieto di ingresso agli stranieri (cittadini non israeliani) in Israele, è stato prorogato almeno fino al 1 ° agosto, ha confermato un portavoce dell’Autorità aeroportuale.

Le compagnie aeree sono state informate oggi tramite una lettera dell’autorità. La dichiarazione informa quanto segue: “I passeggeri provenienti da tutti i paesi che non sono cittadini o residenti israeliani non sono autorizzati ad entrare nello Stato di Israele, compresi i voli di transito, diverso per o passeggeri che hanno un permesso autorizzato dalle autorità per l’immigrazione”.

All’inizio di questo mese, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha incontrato il suo omologo greco Kyriakos Mitsotakis a Gerusalemme. Durante la visita, Netanyahu ha affermato che Israele stava cercando di aprire ai turisti greci e ciprioti a partire dal 1 agosto. Tuttavia, da quella data, il tasso di infezione in Israele è aumentato. L’ingresso dei cittadini non israeliani è stato proibito con poche eccezioni da metà marzo a causa della diffusione del coronavirus. Il ministero degli interni ha aggiornato l’elenco delle eccezioni all’inizio di questo mese. Include parenti di primo grado che entrano in Israele per matrimoni e funerali o altre occasioni speciali, così come alcuni lavoratori stranieri e alcuni studenti. Chiunque entri in Israele dall’estero deve entrare in quarantena per 14 giorni

Sebbene l’Autorità Aeroporti e l’Aeroporto Ben-Gurion abbiano completato tutti i preparativi per raggiungere la certificazione richiesta dal Ministero della Salute per riprendere i voli, il Ministero ha procrastinato qualsiasi azione per aprire i cieli di Israele.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui