I casi gradi da COVID-19 aumentano durante la notte

Il Ministero della Sanità conferma che ci sono stati 1320 casi di infezioni da COVID19 nella giornata di martedi. Il numero di pazienti gravi passano da 86 a 107. Questa mattina il ministero della Sanità ha rilasciato nuove cifre che mostrano un salto notturno di 21 nuovi casi gravi di infezione da COVID-19. Il numero di casi gravi è in costante aumento dall’inizio dell’attuale epidemia. Due settimane fa Israele aveva 45 pazienti gravi. Giovedì il numero si è attestato a 65, poi è balzato a 86 e ieri sera e è arrivato a 107.

La Dottoressa Galia Rahav dello Sheba Medical Center ha dichiarato che parte dell’aumento è avvenuto perché alcuni membri del suo staff utilizzano una barra di valutazione inferiore rispetto a prima per classificare i pazienti come gravi. Al momento ci sono 15 pazienti gravi al Sheba Medical Center, il più grande ospedale di Israele, e la scorsa settimana “circa la metà di essi sarebbe stata classificata come moderata o lieve”, ha dichiarato ieri la Dottoressa Rahav, capo delle malattie infettive dell’ospedale. Tuttavia, da martedì sera non ci sono stati cambiamenti nella politica nazionale, il che significa che l’ultimo balzo è un riflesso della recente ondata di casi. Il Ministero della Sanità ha anche riportato un nuovo record di nuove infezioni quotidiane, portando il numero di casi confermati in Israele dall’inizio della pandemia a 32.714.

Il ministero ha comunicato che 1.320 casi sono stati confermati ieri tra le 12 e mezzanotte e un decesso, portando il bilancio complessivo a 343 con un aumento di cinque decessi nelle ultime 24h. Il numero di casi attivi, che era inferiore a 2.000 a fine maggio, è aumentato a 14.104, un nuovo massimo.

I casi gravi vedono 36 persone con ventilazione, due in più rispetto a martedì. Altre 82 persone sono  in condizioni moderate, con il resto che soffre di sintomi lievi o assenti.

www.israele360.com

La professoressa Prof. Siegal Sadetzki Direttore della sanità del Ministero della Salute

Criticando la gestione da parte delle autorità dell’epidemia in corso e descrivendo un approccio disordinato e inefficace per affrontare la crisi, il direttore della sanità del Ministero della Salute, la Professoressa Siegal Sadetzki, ha annunciato le sue dimissioni martedì. In un lungo post sulla sua pagina Facebook, ha avvertito che “Israele si sta dirigendo in un luogo pericoloso”. “Con mio rammarico, ormai da diverse settimane, la gestione dell’epidemia ha perso la direzione”, ha scritto. “Nonostante gli avvertimenti sistematici e regolari nei vari sistemi e le discussioni in vari forum, guardiamo con frustrazione mentre la clessidra delle opportunità si sta esaurendo. In questo contesto, sono giunta alla conclusione che nelle condizioni appena create in cui la mia opinione professionale non è accettata, non posso più aiutare a far fronte efficacemente alla lotta contro il virus. “

Lunedì il governo ha approvato una serie di restrizioni per contenere il rinnovato focolaio, tra cui la limitazione di ristoranti e sinagoghe, la riduzione del numero di passeggeri sui trasporti pubblici, multe più elevate per chi non indossa la mascherina, e chiusura di sale per eventi, luoghi culturali, piscine, palestre , bar e discoteche.

Israele è “a un passo da un blocco completo”, secondo quanto riferito dal primo ministro Benjamin Netanyahu ai membri del gabinetto durante una riunione speciale. Pur interrompendo la chiusura del paese come all’inizio di quest’anno, le nuove misure sono un significativo passo indietro rispetto alla riapertura dell’economia di maggio.

Nel tentativo di semplificare la risposta di Israele al nuovo focolaio, il ministro della Difesa Benny Gantz e il ministro della Sanità Yuli Edelstein hanno concordato martedì pomeriggio di rafforzare la cooperazione sulla crisi del coronavirus tra i loro ministeri (difesa e salute n.d.r.).

“C’è bisogno di una vera cooperazione”, ha detto Edelstein durante una visita al quartier generale del comando del Fronte interno. Gantz aveva esercitato una spinta pubblica affinché il suo ministero assumesse più aspetti operativi della gestione della pandemia, tra le diffuse critiche alla gestione della crisi da parte del Ministero della Sanità.

La spinta ha fatto arrabbiare Netanyahu, che secondo quanto riferito ha preso d’assalto l’incontro del gabinetto del coronavirus la scorsa settimana dopo che Gantz ha reso pubblico il suo pensiero. Il premier lo ha accusato di aver tentato di fare politica. L’esercito ha già annunciato che assegnerà soldati per aiutare a gestire la linea telefonica per le persone in  quarantena sovraccarica e gestita dal Ministero della Salute, e ha iniziato a riaprire gli hotel per ospitare le persone in isolamento.

Gantz è entrato in auto-quarantena oggi dopo essere entrato in contatto con un caso confermato di COVID-19.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui