Questo è un momento cruciale per le aziende israeliane a Wall Street. Un numero significativo di aziende sta diventando pubblico, e questo ha importanti ramificazioni dell’intero ecosistema.

Mentre gran parte dell’economia mondiale continua ancora a lottare con il Covid, Israele è sulla buona strada per diventare un paese che ospita 100 “unicorni”, società private del valore di oltre 1 miliardo di dollari. Attualmente ci sono almeno 85 unicorni in Israele, più che in tutti gli oltre 40 paesi europei messi insieme. Questo copre tutti i verticali, ma significativamente più di un terzo degli unicorni di sicurezza informatica in tutto il mondo sono israeliani. Non c’è bisogno di guardare oltre per un esempio della recente IPO di SentinelOne, la più grande IPO di sicurezza informatica della storia. Il capitale di rischio ha continuato a fluire nel 2020, anche durante il culmine della pandemia. Ora, con un futuro più certo (almeno abbiamo imparato a convivere con il virus), molte aziende hanno deciso di quotarsi. Non è nonostante il Covid che Israele è stato in grado di capitalizzare e avere successo; è a causa di questo momento difficile che molte aziende israeliane sono state in grado di raggiungere questo punto di riferimento. Israele, con la sua campagna di vaccini rapida ed efficace, è diventata una delle economie che ha ruggito in avanti nonostante le sfide globali. Il Covid ha solo accelerato le tendenze che hanno portato a questo rally a Wall Street. I bravi imprenditori non lasciano che una crisi vada sprecata. Alcune aziende sono state spazzate via durante la pandemia, ma le aziende che sono emerse più forti ora stanno raccogliendo i frutti.

Un’istantanea delle tendenze

Diversi fattori hanno creato questa tempesta perfetta per le aziende israeliane che scelgono di diventare pubbliche. Le SPAC (società di acquisizione per scopi speciali) hanno acquisito legittimità e popolarità a Wall Street come un modo meno rischioso per le società tecnologiche di guadagnare liquidità. Continueranno ad essere un percorso popolare per le aziende israeliane. L’ulteriore uso e affidamento su prodotti e servizi digitali, in molti casi prodotti cyber e fintech, durante la pandemia ha sicuramente aiutato le aziende israeliane in questo spazio. Nell’ultimo anno, molte industrie hanno dovuto subire trasformazioni digitali in un lasso di tempo estremamente accelerato. Ciò ha offerto un’opportunità alle aziende focalizzate sull’aiutare i team remoti a gestire i flussi di lavoro, come Monday.com, diventati strumenti chiave durante la pandemia.

Ma qualcosa, questa volta è diverso. C’è un esercito di aziende in crescita e in verticals più recenti come il fintech con aziende come Payoneer e Riskified. La Startup Nation sta diventando non solo la Scale-Up Nation, ma un vero contendente globale secondo solo alla Silicon Valley. Anche il tempo ha avuto un ruolo; le molte aziende avviate nell’ultimo decennio hanno raggiunto il punto in cui l’ammissione in borsa è il prossimo passo pratico. La proliferazione delle SPAC e la sensazione generale che il Covid sia qui per restare, dà alle aziende la fiducia per cercare liquidità ora. L’opportunità gioca un ruolo. Shuly Galili, il partner cofondatore di Upwest Labs che ha scritto il primo assegno per SentinelOne, spiega: “Era chiaro per noi come primi investitori nell’azienda nel 2013 che l’opportunità di rivoluzionare l’industria degli antivirus dipenderà molto dalla nuova intelligenza artificiale e dalla tecnologia comportamentale, dove SentinelOne offre una differenziazione all’avanguardia.

“Nel viaggio di otto anni verso l’IPO, i fondatori di SentinelOne non solo hanno esemplificato lo spirito di innovazione, ma i valori di resilienza e tenacia nel costruire una vera azienda leader di categoria con oltre 1.000 dipendenti in tutto il mondo”, ha affermato.

Perché ora?

Numerosi articoli nel corso degli anni si sono lamentati del fatto che l’ecosistema israeliano ha bisogno di crescere. Man mano che l’ecosistema matura e sempre più Big Tech e società globali si intrecciano nell’ecosistema, il paese non dovrà solo superare l’idea di una Startup Nation frammentaria, ma salire di livello come attore globale significativo. Sarà necessario un cambiamento di mentalità, poiché le risorse continuano a riversarsi nell’ecosistema, per lavorare a fianco dell’ambiente aziendale delle grandi aziende tecnologiche che definiranno il panorama aziendale. È generalmente accettato che la Startup Nation sia diventata uno dei migliori produttori di startup al mondo a causa di fattori tra cui talento, servizio militare, faccia tosta e pensiero fuori dagli schemi. Anche il Covid ha giocato un ruolo, accelerando tendenze come la digitalizzazione che si stavano preparando da tempo. “È il naturale passo successivo nel ciclo di vita di un certo numero di queste aziende tecnologiche israeliane ad alta crescita che sono rimaste private per anni, spesso un decennio o più”, afferma Brian Rosenzweig, partner di Janvest Capital Partners e un investitore di rischio attivo nell’ecosistema israeliano da molti anni. “Hanno raccolto centinaia di milioni di capitali di rischio in modo che con le attuali condizioni di mercato, ci si possa aspettare IPO”, afferma Rosenzweig e ritiene che le condizioni di mercato stanno giocando un ruolo importante in questo momento a Wall Street. “La maggior parte dell’attività sta avvenendo mentre il mondo sta iniziando ad aprirsi di nuovo … c’è meno preoccupazione nel mercato che sta andando su e giù, quindi il momento è giusto per le aziende israeliane”.

La prossima generazione

Questo è stato anche un periodo vorticoso in cui viene coniata la prossima generazione di milionari della tecnologia. A Tel Aviv si dice che siano stati creati oltre 230 nuovi milionari grazie alla SPAC di IronSource. Se esistessero già grandi disparità tra gli stipendi nell’economia tecnologica rispetto all’economia non tecnologica, ciò accelererà ulteriormente la divisione. Israele è già secondo agli Stati Uniti in termini di disparità di ricchezza. Inoltre, somme record di denaro da investitori globali, VC e simili continuano a riversarsi nell’ecosistema, lanciando una spirale verso l’alto. Non è necessario guardare oltre il numero di Tesla sulle strade di Israele e il numero di ristoranti costosi e sviluppi immobiliari di lusso che spuntano a Tel Aviv. “Come risultato di questo volano, più capitale qui porterà ad acquisizioni di società israeliane da parte di società locali. L’acquisizione di Vdoo da parte di JFrog ne è un esempio”, prevede Yoni Argaman, VP Marketing di Salto, una startup in crescita che fornisce concetti e strumenti di sviluppo software e DevOps ai team delle operazioni aziendali. Argaman ritiene, tuttavia, che questa nuova generazione continuerà a supportare l’ecosistema. “Ci sono più ruoli qui, specialmente per i non ingegneri, il che sta causando il ritorno in Israele dei talenti esperti israeliani”.

Cosa riserva questo per il futuro?

Galili crede che la crescente quantità di capitale possa aiutare a migliorare la società israeliana. “Non c’è dubbio che l’impatto in Israele sembra molto potente poiché l’ecosistema tecnologico sta mostrando un’incredibile maturità, il che è positivo. Per sostenere questa crescita e competitività, è essenziale che il Paese aumenti i propri investimenti in talenti umani e infrastrutture. Non è solo positivo farlo economicamente, ma anche socialmente”, afferma.

Nei prossimi mesi continueranno ad esserci società israeliane che cercheranno di negoziare pubblicamente tramite SPAC. Ma oltre a questo, proprio dietro l’angolo c’è la prossima generazione di aziende Wix, Fiverr e Waze provenienti da imprenditori cresciuti nella cultura delle aziende unicorno israeliane. Hanno sviluppato competenze lavorando in aziende tecnologiche veramente globali e si stanno avventurando per costruire le loro startup in crescita accedendo a talenti e finanziamenti locali.

Argaman crede che “molte persone che lavorano per i numerosi unicorni che abbiamo ora stanno imparando e vivendo un’esperienza straordinaria di livello mondiale che li aiuterà a costruire la prossima generazione di unicorni e persino decacorni. Ma affinché abbiano successo spetta a noi, all’ecosistema, assicurarci che più persone si uniscano ai circoli tecnologici in cui possono essere formati per diventare dipendenti di livello mondiale e prendere parte a questo successo nazionale”.