Il capo dell’aeroporto avverte che l’aviazione israeliana è “a pochi giorni dal punto di non ritorno”

Shmuel Zakay, CEO dell’aeroporto Ben Gurion fa un appello per riprendere i voli e afferma che il blocco di questi ultimi a causa della pandemia mette in pericolo i posti di lavoro di decine di migliaia di posti di lavoro e potrebbe causare “enormi danni strategici”

Il CEO del principale aeroporto israeliano ha avvisato venerdì che il Paese é  “a pochi giorni dal raggiungimento del punto di non ritorno” per la sua industria aeronautica, dopo lunghi mesi di mancanza quasi completa di voli a causa della pandemia di coronavirus. Shmuel Zakay ha dichiarato in un post su Facebook che dopo così tanto tempo di inattività, molti professionisti, dai piloti agli equipaggi di terra, hanno eroso la loro competenza operativa. “Per riportarli a voli efficienti e sicuri ci vorranno mesi”, ha detto. In Israele, dove la maggior parte dei viaggi all’interno e all’esterno del paese avviene per via aerea, i danni a lungo termine all’industria aeronautica causerebbero “enormi danni strategici”, ha aggiunto. Pur riconoscendo che il coronavirus è “una pandemia pericolosa e letale”, Zakay ha affermato che é indispensabile imparare a convivere con la sua presenza e gestire i suoi rischi, poiché non sembra scomparirà presto.

“Questa settimana i voli civili sono ripresi nel mondo anche in paesi con livelli di malattia elevati”, ha affermato. “Siamo in grado di operare aviazione civile sicura anche all’ombra del coronavirus.”

Zakay ha sostenuto che non sta sollecitando un ritorno ai voli in modo che gli israeliani potessero “andare in vacanza”, ma piuttosto sta cercando di prevenire “danni fatali a un settore composto da decine di migliaia di persone, e centinaia di professioni”. Il vettore nazionale israeliano, El Al, è entrato in gravi difficoltà finanziarie a causa della pandemia. Giovedì ha lasciato a casa altri 500 dipendenti, tra cui 100 piloti. Le tensioni nella compagnia aerea sono state elevate dopo che ha ridotto la stragrande maggioranza della sua forza lavoro. La compagnia aerea sta cercando un piano di salvataggio con l’aiuto del governo per salvarla dall’insolvenza e dal collasso. Mercoledì scorso, El Al ha interrotto del tutto i voli dopo che sono scoppiate serie divergenze tra il comitato piloti e la direzione.

Prima dell’ultima tornata, aveva messo l’80% dei suoi 6.303 lavoratori in congedo non retribuito, tagliato i salari di gestione del 20%, fermato gli investimenti e firmato accordi per la vendita e il leasing di tre Boeing 737-800. Centinaia di addetti ai servizi di ristorazione presso la filiale di El Al Tamam, che produce pasti per le compagnie aeree kosher per più vettori che operano attraverso l’aeroporto internazionale Ben Gurion, sono stati licenziati, suscitando preoccupazioni in merito alla possibilità di licenziamenti di massa.

La compagnia aerea ha prolungato la sospensione dei voli commerciali di linea fino alla fine di luglio, ma aveva detto che avrebbe continuato a utilizzare i suoi aerei per voli cargo e passeggeri occasionali.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui