Abdullah bin Zayed Al Nahyan scrive nel guestbook: “Saluto le anime di coloro che sono caduti vittime dell’Olocausto”; Ashkenazi lo sorprende con la storia dell’Olocausto della sua famiglia

I ministri degli esteri di Israele e degli Emirati Arabi Uniti hanno visitato il Memoriale dell’Olocausto nel centro di Berlino durante il loro primo incontro “storico” nella capitale tedesca martedì.

Gabi Ashkenazi e la sua controparte degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, hanno sbattuto i gomiti invece di stringersi la mano in linea con le misure per fermare la diffusione del coronavirus, mentre si sono incontrati faccia a faccia per la prima volta dopo che i rispettivi paesi hanno firmato un accordo a metà settembre per normalizzare le relazioni.

È stata un’idea del ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti quella di visitare il sito insieme all’alto rappresentante dello Stato ebraico, ha riferito il sito di notizie di Walla. In un messaggio scritto a mano nel libro dei visitatori al memoriale, il massimo diplomatico degli Emirati ha commemorato le “vittime ebree europee dell’Olocausto”.

“Un intero gruppo facente parte dell’ umanità è caduto vittima di coloro che invocano l’estremismo e l’odio”, ha scritto, aggiungendo che la visita al memoriale “ha sottolineato l’importanza dei valori umani come la convivenza, la tolleranza e l’accettazione dell’altro … così come il rispetto per tutte le fedi. Questi sono i valori su cui è stato fondato il mio paese “.

“Saluto le anime di coloro che sono cadute vittime dell’Olocausto”, ha scritto Al Nahyan, prima di citare una preghiera ebraica tradotta in arabo: “Possano le loro anime essere legate nei vincoli della vita”.

“Mai più”, ha scritto, sia in inglese che in arabo.

Ashkenazi ha affermato a proposito dell’incontro “simboleggia l’inizio di una nuova era. Un’era di pace tra i popoli. La nostra firma congiunta nel libro della memoria è come un grido e un giuramento condiviso, ricordare e non dimenticare, essere forti e promettere ‘mai più’ “.

Durante il tour, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha detto ad Al Nahyan che Ashkenazi é figlio di sopravvissuti all’Olocausto.

“Il ministro degli Emirati è rimasto sorpreso di sentirlo e ha chiesto di saperne di più”, ha detto il ministero. “Il ministro Ashkenazi gli ha parlato delle sue radici e di suo padre che è sopravvissuto a un campo di lavoro in Bulgaria nel 1944 e della sua immigrazione in Israele”, ha aggiunto. Accompagnati da Maas, i due hanno attraversato il cupo monumento, un vasto labirinto ondulato di oltre 2.700 blocchi di cemento grigio distribuiti su un’area equivalente a tre campi da calcio.

La visita di Al Nahyan al Memoriale dell’Olocausto è un passo altamente simbolico, che segna il cambiamento di atteggiamento nel mondo arabo nei confronti di Israele e degli ebrei. I conflitti politici hanno portato a feroci tensioni tra Islam ed Ebraismo e la negazione dell’Olocausto dilaga in molti paesi arabi. Maas ha definito “un grande onore che i ministri degli esteri israeliano ed emiratino abbiano scelto Berlino come luogo del loro primo storico incontro.

“La valuta più importante della diplomazia, è la fiducia,  e sono personalmente grato a entrambi i miei colleghi che ripongono questa fiducia in Germania”. A settembre, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein sono diventati le prime nazioni arabe a stabilire relazioni con Israele dall’Egitto nel 1979 e la Giordania nel 1994. Per il Medio Oriente, gli accordi soprannominati gli accordi di Abraham segnano un netto cambiamento in uno status quo vecchio di decenni in cui i paesi arabi hanno cercato di mantenere l’unità contro Israele per il trattamento riservato agli apolidi palestinesi.

Maas ha definito l’accordo tra Israele e Emirati Arabi Uniti “la prima buona notizia in Medio Oriente da molto tempo – e un’opportunità per un nuovo movimento nel dialogo tra israeliani e palestinesi”.