Lo Shin Bet ha affermato di aver tracciato segretamente per due anni e mezzo i telefoni degli israeliani. L’agenzia di sicurezza avrebbe ottenuto il consenso dai funzionari del Ministero della Giustizia per un programma controverso, ma pochi nel governo sono stati informati; la Knesset e le compagnie telefoniche non ne sapevano niente

Molto prima dell’epidemia del coronavirus, il servizio di sicurezza interno, Shin Bet, stava segretamente rintracciando i cellulari israeliani in un programma per combattere il gruppo terroristico dello Stato Islamico che è durato per almeno due anni e mezzo e potrebbe essere ancora in corso, secondo un report televisivo. Il programma, il cui nome è ovviamente segretato, è stato approvato da una squadra di alti funzionari del ministero della Giustizia, guidati dall’avvocato Shai Nitzan e dal procuratore generale Avichai Mandelblit, ma non era soggetto a supervisione parlamentare, legislazione o regolamenti, ha riferito Channel 13 ma senza citare la fonte.

Nell’ambito del programma, i cellulari della maggior parte degli israeliani erano esposti al tracciamento dello Shin Bet. Il rapporto non ha indicato esattamente quale tipo di dati sono stati raccolti, sebbene affermi che il servizio di sicurezza ha attinto ai database conservati dalle società di telefonia mobile per raccogliere informazioni, apparentemente all’insaputa delle aziende. Il rapporto indica che il Ministero della Giustizia ha consentito all’accesso dei dati personali degli israeliani per un periodo iniziale di sei mesi, prima di estendere ripetutamente tale termine per almeno 2,5 anni – e forse anche fino ad oggi. Lo scopo dichiarato del programma era di reprimere l’attività dell’Islamic State in Israele, secondo quanto afferma il rapporto.

Il rapporto indica che le informazioni raccolte attraverso il programma sono servite da base per le indagini penali e le richieste sono state fatte ai tribunali per approvare le intercettazioni telefoniche e altre misure investigative, e ai giudici non è stato detto come sono state ricevute le informazioni iniziali.

Il ministero della Giustizia e lo Shin Bet hanno commentato in una dichiarazione: “I metodi della Shin Bet nella sua lotta contro il terrorismo, e in generale, sono classificati per legge e esponendoli può causare gravi danni alla sicurezza nazionale. Di tanto in tanto, vengono portate questioni legali relative all’attività del servizio per l’esame e l’approvazione del procuratore generale o dei suoi rappresentanti “. Lunedì scorso la Knesset ha approvato una legge che autorizza lo Shin Bet ad utilizzare i dati del cellulare e altre informazioni sensibili per rintracciare gli israeliani che contraggono il coronavirus e quelli con cui sono in contatto. La controversa legislazione, che sarà in vigore fino a gennaio, consente al Ministero della Salute di utilizzare i dati di tracciamento dello Shin Bet, a condizione che ci siano oltre 200 nuove infezioni COVID-19 al giorno (come sta effettivamente accadendo). Il programma era attivo da marzo ad aprile, ma è stato poi interrotto quando il numero di infezioni è diminuito e a causa della mancanza di una legislazione formale.

Il governo ha rilanciato il programma di localizzazione telefonica  dello Shin Bet il mese scorso in risposta all’aumento dei tassi di infezione, ma un numero crescente di persone ha affermato di essere stato costretto a rimanere a casa per errore (12.000), probabilmente a causa in parte della tecnologia che non riesce a capire se due persone fossero effettivamente a due metri l’uno dall’altro, abbastanza vicini da trasmettere il virus.

Nadav Argaman – capo del Shin Bet

Un processo di appello è stato incluso nella legge. Ma molte persone hanno affermato che le chiamate al ministero della sanità sono rimaste regolarmente senza risposta, in quanto i funzionari affermano che il sistema è stato inondato di telefonate. Il capo dello Shin Bet Nadav Argaman ha dichiarato al governo il mese scorso che le tecnologie impiegate dall’agenzia erano destinate alle operazioni antiterrorismo e non dovevano essere utilizzate per rintracciare i cittadini israeliani in massa. Secondo quanto riferito, Argaman ha espresso opposizione al rinnovo del programma, che è stato gradualmente ritirato ad aprile dopo che la Knesset ha deciso di fermarlo a seguito di una decisione dell’alta corte di giustizia che ha stabilito che una violazione così massiccia dei diritti alla privacy degli israeliani deve essere ancorata alla legislazione formale .

Il programma ha dovuto affrontare critiche da parte di gruppi per la privacy e i diritti, ma è stato elogiato dai funzionari per aver contribuito a contenere la diffusione del virus fornendo al governo la possibilità di informare gli israeliani se sono stati in contatto con portatori di virus confermati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui