L’ultimo rapporto del Fondo Monetario Internazionale vede l’economia israeliana riprendersi rapidamente nel 2021, sebbene sottolinei l’incertezza sulla pandemia di COVID19.

“L’economia israeliana è entrata nella pandemia COVID19 da una posizione di forza, e le autorità hanno dato una risposta ampia e rapida alla crisi. Le misure tempestive e decisive introdotte dalla Banca di Israele all’inizio della pandemia hanno contribuito a preservare il mercato e stabilità finanziaria e accesso al credito. Il sostegno fiscale al sistema sanitario, alle famiglie e alle imprese ha anche contribuito ad attenuare l’impatto economico della pandemia “, una rassegna ottimistica della posizione dell’economia israeliana pubblicata oggi dal Fondo monetario internazionale (FMI). Il rapporto è il prodotto della visita semestrale del FMI in cui i suoi analisti hanno incontrato il ministro delle finanze, il governatore della Banca di Israele e personalità di spicco dell’economia. Concludono che Israele è stato meno colpito economicamente rispetto ad altri paesi dalla pandemia di COVID19. Un rapporto più completo sull’economia israeliana dovrebbe essere pubblicato tra poche settimane.

Allo stesso tempo, il suo rapporto sottolinea la grande incertezza sulle prospettive per l’economia a causa del incapacità di prevedere come si evolverà la pandemia. Il rapporto raccomanda che “le politiche dovrebbero continuare a fornire sostegno all’economia, contenere i rischi associati alla pandemia e promuovere la ripresa”. In particolare, raccomanda che “le politiche strutturali dovrebbero mirare a mitigare le vulnerabilità del mercato del lavoro, limitare il potenziale impatto a lungo termine della pandemia e promuovere una ripresa più inclusiva”.

Il FMI prevede che l’economia israeliana si ridurrà del 5,9% nel 2020, ma l’economista del FMI Iva Petrova afferma che questa previsione è attualmente in fase di revisione e che si può prevedere che la contrazione sarà sostanzialmente inferiore. Accanto a questo, Petrova stima anche che nella revisione anche le previsioni di crescita per il 2021 saranno ridotte – all’ultimo aggiornamento era al 4,9%.

Nella parte più dettagliata delle raccomandazioni, il FMI chiede a Israele di approvare con urgenza il bilancio statale 2021. “Il rapido passaggio di un budget per il 2021 aiuterebbe a dare priorità alla spesa, posizionare l’economia per la crescita e ridurre l’incertezza economica associata alla pandemia”, afferma il rapporto.

Il ministro delle Finanze Israel Katz ha dichiarato in risposta al rapporto: “Questa è un’ulteriore prova dell’alta stima che esiste per la nostra economia e la sua forza nel confronto internazionale, e per la gestione della crisi economica scoppiata con l’emergere di la pandemia di coronavirus “.