Ricercatori israeliani sviluppano una tecnologia che trasforma l’acqua del rubinetto in un forte disinfettante

Ricercatori israeliani hanno sviluppato un metodo per produrre disinfettanti a base di acqua del rubinetto, sicuri per l’ambiente ma potenti che possono uccidere batteri e virus, compreso il coronavirus, secondo un annuncio dell’Università di Bar Ilan.

Il metodo è stato sviluppato e brevettato dal Dott. Eran Avraham, dal Dott. Izaak Cohen e dal Prof. Doron Aurbach, capo del gruppo elettrochimico, presso il Dipartimento di Chimica dell’Università di Bar Ilan e l’Istituto di Nanotecnologia e materiali avanzati. La tecnologia funziona attraverso una serie di elettrodi a forma di nanometro con proprietà uniche, ha spiegato l’università in una dichiarazione, aggiungendo che la combinazione di acqua ed elettrodi crea un materiale di pulizia con una efficace capacità antibatterica per i microrganismi (batteri, virus, e spore). Allo stesso tempo, è sicuro per i macrorganismi (come le cellule della pelle) e non contamina le acque sotterranee.

La tecnologia consente la preparazione di una varietà di soluzioni per spazi puliti come aerosol spray per la disinfezione di superfici, salviette disinfettanti, liquidi per lavaggio a mano, lavaggio di scarpe, lavaggio e disinfezione di pavimenti, sistemi di climatizzazione, lavatrici e asciugatura depuratori d’aria per nebbia e contenitori per immersione.

“La capacità di produrre elettrodi in una varietà di forme e trame rende la tecnologia adatta a quasi tutte le applicazioni: da una” cassetta “in un condizionatore d’aria, un contenitore per lavare pesce e carne, alla disinfezione e alla rimozione di pesticidi da frutta e verdura , spray, un dispositivo per la produzione di panni monouso antibatterici e molte altre applicazioni – persino maschere e guanti “, ha affermato l’università. In contenitori privi di elettrodi, i disinfettanti possono rimanere efficaci per due mesi e possono essere venduti in flaconi riciclabili. Per i prodotti in bottiglia riutilizzabili, secondo l’università è possibile applicare un processo abbastanza semplice per consentire un uso a lungo termine.

I ricercatori affermano inoltre che la capacità antisettica è “100 volte più efficace” della candeggina per uso domestico, per esempio, e che sono sufficienti basse concentrazioni tra 50 e 200 mg per litro per disinfettare. Al contrario, la candeggina richiede tra 5.000 e 20.000 mg per litro. I materiali prodotti sono anche sicuri per la pelle e non causano ustioni o secchezza. I ricercatori stanno ora esaminando la possibilità che i materiali possano essere in grado di curare le ferite della pelle, ha detto l’università.

I materiali sono stati recentemente testati dalla Dott.ssa Inna Kalt e dalla Dott.ssa Tatiana Borodiansky Shteinberg nel laboratorio della Prof. Ronit Sarid, della Facoltà di scienze della vita di Mina ed Everard Goodman presso l’Università di Bar Ilan. Sono stati dimostrati contro il virus dell’herpes simplex, un’infezione della pelle senza cura nota e il coronavirus umano OC43, uno dei sette coronavirus conosciuti che infettano l’uomo e il tipo che causa il raffreddore comune.

“Entrambi i virus sono stati completamente eliminati se esposti ai disinfettanti per diversi periodi di tempo. Le caratteristiche strutturali di OC43 sono simili a quelle del recente SARS-CoV-2, il che suggerisce che questo virus sarà facilmente eliminato con questo disinfettante “, ha affermato il professor Sarid.