L’Israel Institute for Biological Research ha isolato un anticorpo chiave del covid19 che ha neutralizzato con successo il coronavirus aggressivo nei test di laboratorio, ha annunciato il ministro della Difesa israeliano Naftali Bennett dopo aver visitato il laboratorio a Ness Ziona il 4 maggio.

Bennett ha affermato che si tratta di una “svolta significativa” verso un possibile trattamento per il virus Covid-19.

In coordinamento col Magen David Adom, la IIBR (Israel Institute for Biological Research) ha raccolto plasma dagli israeliani che si sono ripresi dal Covid-19. Si prevede che gli anticorpi nel plasma possano costituire la base di un trattamento efficace. Il direttore dell’IIBR Shmuel Shapira ha detto a Bennett che l’anticorpo che hanno isolato è monoclonale, il che significa che proviene da una singola cellula ed è potenzialmente più efficace nel neutralizzare il virus rispetto agli anticorpi policlonali derivati ​​da due o più cellule. Dopo che l’anticorpo monoclonale è stato brevettato, si cercherà un produttore internazionale per  produrlo in serie, secondo la dichiarazione di Bennett. Per iniziare il processo di approvazione normativa, l’anticorpo IIBR subirà diversi mesi di test aggiuntivi.

L’istituto di ricerca governativo, che normalmente lavora a progetti di difesa, sta ora dirigendo tutti i suoi sforzi verso nuove ricerche sul coronavirus, incluso lo sviluppo di un trattamento e di un vaccino. La IIBR sta lavorando con l’Istituto Weizmann di Rehovot su strategie per combattere la pandemia di coronavirus e sta collaborando con tre compagnie israeliane allo sviluppo di un vaccino. Inoltre, sta collaborando con il Shaare Zedek Medical Center di Gerusalemme su un nuovo metodo per rilevare il virus attraverso l’analisi del respiro.

Uno degli ultimi studi della IIBR indica che temperature più calde quest’estate neutralizzeranno eventuali particelle di virus sulle superfici di plastica e metallo entro poche ore.