Mentre l’Europa riapre, alcuni agenti di viaggio israeliani sono sconcertati dal governo che non sta prevedendo l’utilizzo del test COVID19 per i turisti in arrivo

Con la riapertura dei voli in alcune parti europee da lunedì, la prospettiva della riapertura dei cieli israeliani sta rallentando, e alcuni agenti di viaggio israeliani stanno esprimendo sconcerto che il governo non sta cogliendo la possibilità di effettuare test in aeroporto per ammettere in sicurezza i turisti provenienti dall’estero

L’Unione europea ha confermato oggi la riapertura delle frontiere e la graduale ripresa del turismo internazionale. Francia, Germania, Svizzera e molti altri paesi stanno allentando le restrizioni di viaggio e accogliendo i turisti di alcuni paesi anche al di fuori dell’Europa, vengono presi provvedimenti per accogliere i turisti che passeranno l’estate nei diversi paesi. Giovedì riaprirà Hong Kong e Disneyland. Israele ha sperato di iniziare a dare il benvenuto ai vacanzieri provenienti dall’estero e da alcuni paesi paesi il 1 ° luglio, ma l’attuale picco nei casi di coronavirus ha messo il dubbio su quel piano, ha detto il portavoce del Ministero degli Esteri Lior Hayat. “Ci vorranno ancora alcune settimane per capire quando i turisti saranno autorizzati”, ha detto Hayat, aggiungendo che solo una settimana fa si aspettava che l’obiettivo del 1 ° luglio fosse raggiunto. Domenica, Sigal Sadetzky, del  Ministero della Salute, ha comunicato alla Knesset che Israele sta assistendo l’inizio di una seconda ondata. “Abbiamo trascorso un periodo di oltre due settimane con meno di 20 infezioni al giorno, e ha iniziato a salire e salire, e ora vediamo quasi 200 nuovi malati al giorno”.

Al momento ci sono pochi voli da e per Israele e l’industria del turismo in arrivo è in pausa. Israele ha avuto colloqui con la Grecia, Cipro e alcuni altri paesi che sono considerati a basso rischio per discutere la possibilità di una licenza di viaggio, ma nulla è stato finalizzato Mark Feldman, CEO di Ziontours, è indignato. “Mi fa arrabbiare tremendamente come cittadino e come operatore nel settore dei viaggi”, dicendo che il paese dovrebbe riporre fiducia nei test per ammettere persone dagli altri paesi. “Dobbiamo fidarci dei test: sono l’unica soluzione per riavviare il turismo”, ha affermato.

Feldman ha citato l’aeroporto di Vienna, che ha iniziato a offrire test per i turisti in arrivo – da un elenco limitato di paesi autorizzati – dimostrando che, in linea di principio, i test possono essere utilizzati per ammettere i turisti senza quarantena.

Il problema é che alcuni esperti nel campo medico avvisano che il potere dei test è sopravvalutato. “I test non possono risolvere tutti i nostri problemi, perché ci sono problemi di falsi positivi e falsi negativi”, ha affermato Nadav Davidovitch, membro della task force sulla politica pandemica del Consiglio di sicurezza nazionale e capo della School of Public Health dell’Università Ben Gurion di il Negev.

L’Austria ha aperto ai turisti di sette paesi il 4 giugno e si aprirà a gran parte dell’Europa martedì. Ha un requisito di quarantena di 14 giorni, ma rinuncia a se le persone effettuano un tampone in aeroporto, attendono tre ore per i risultati. Accetta anche certificati medici dal punto di partenza.

Feldman e alcuni altri agenti del turismo stanno guardando il modello Vienna e affermano che questo modello consentirebbe a Israele di mantenere il suo requisito di quarantena per chiunque non sia in grado di generare un test negativo, consentendo a molti turisti di entrare senza un periodo di auto-isolamento. Jonah, un altro tour operator, ha dichiarato di non aver mai criticato la politica che ha vietato ai turisti fino ad ora, ma pensa che l’apertura di cieli altrove debba spingere Israele a cambiare. “Ora che il mondo si sta aprendo, dovremmo seguire”, ha detto. “Se il mondo inizia a viaggiare, dobbiamo fare lo stesso, con precauzioni.”

Jonah non ritiene che il paese sia ancora pronto per i viaggi di gruppo, ma a suo avviso gli individui e le famiglie dovrebbero essere accolti e i test aeroportuali dovrebbero essere impiegati per ammettere persone senza quarantena. “Se l’aeroporto è l’unico ostacolo, allora se il modello di Vienna di testare persone all’aeroporto funziona, dovremmo farlo”, ha detto.

Ma alcuni agenti sono contrari al test dei turisti in arrivo. “Non credo nel fare test all’aeroporto Ben Gurion, non è pratico”, ha detto Amnon Ben-David, CEO e presidente di Eshet Incoming. Ha affermato: “Se avessi un intero aereo con 380 persone, le terrei in aeroporto per tre ore? È solo una soluzione teorica, non funzionerà. ” Ha detto che un test positivo in un aereo pieno, secondo gli attuali standard israeliani, metterebbe molti, se non tutti, passeggeri in quarantena, che secondo lui non sono sostenibile.

Ben-David vuole vedere il settore dei viaggi tornare alla normalità, senza test, il più presto possibile, ma ha detto che fintanto che il governo vuole lo screening, deve essere un prerequisito al punto di origine. Le persone dovrebbero presentare controlli sanitari quando partono, come fanno con i visti, ha detto. Hayat ha affermato che il ministero degli Esteri e vari altri ministeri e organi ufficiali stanno parlando con il ministero della Sanità dei piani per riavviare i viaggi aerei e stanno discutendo di varie possibilità, tra cui i test basati negli aeroporti. “Ne stiamo parlando … ma la decisione finale è loro”, ha aggiunto, aggiungendo che la conclusione si baserà su valutazioni della salute.

Ariel Munitz, un esperto di test presso l’Università di Tel Aviv, ha affermato che non è necessaria alcuna nuova scienza per introdurre test di inversione rapida negli aeroporti e che favorisce un riavvio più rapido del turismo internazionale. “Tutte le soluzioni sono qui”, ha commentato. “Si tratta solo di organizzare la forza lavoro e di entrare in un flusso di lavoro”. Ha osservato che i test standard sui tamponi sono affidabili per circa il 70 percento, ma ha affermato che potrebbero essere associati a test sierologici, condotti su campioni di sangue, per aumentare la precisione. “Sarebbe sicuro supporre che se qualcuno risulta negativo nei test sierologici, è molto probabilmente negativo”, ha affermato Munitz, che sta supervisionando un programma di test sierologici per i soldati dell’IDF. Davidovitch ha affermato che le sue preoccupazioni sull’accuratezza dei test indicano che solo le persone provenienti da paesi con bassa incidenza di coronavirus – i cosiddetti paesi verdi – dovrebbero essere autorizzate a Israele senza quarantena. Le persone di questi paesi potrebbero anche essere ammesse senza test di coronavirus o in quarantena, poiché il rischio è basso.

Tuttavia, ha affermato che altri paesi rappresentano un pericolo troppo grande per fare affidamento sui risultati dei test. “La situazione attuale con un aumento in Israele significa che dovremmo iniziare con un progetto pilota di soli paesi verdi” ha affermato, aggiungendo che solo dopo questo Israele dovrebbe decidere i migliori protocolli per l’ammissione e il test di altri turisti.