Da domani, i passeggeri in arrivo in Israele possono presentare un test antigenico negativo delle 24 ore precedenti.

Il governo israeliano ha allentato i requisiti sanitari sia per i cittadini di ritorno che per i turisti stranieri, prima di partire per il Paese. Da domani, i passeggeri in arrivo in Israele possono presentare un test antigenico negativo delle 24 ore precedenti, invece dell’attuale requisito di un test PCR negativo delle precedenti 72 ore.

I passeggeri che atterrano all’aeroporto Ben Gurion e agli altri punti di ingresso al confine israeliano dovranno comunque sottoporsi a un test PCR in aeroporto e rimanere in isolamento fino alla ricezione dei risultati (entro 24 ore). Questa decisione è stata presa, anche se le infezioni da Covid19 sono in aumento in Europa, per facilitare la strada ai viaggiatori perché i test antigenici sono significativamente più economici dei test PCR.

Informazioni dettagliate possono essere trovate sulla pagina del Ministero della Salute