Il metodo, utilizzato in Israele,  ha affrontato sfide nei tribunali e in parlamento a causa di problemi di privacy e domande sulla sua efficacia

Il mese prossimo Israele interromperà il monitoraggio da cellulare dei casi di coronavirus (Covid19) ad eccezione dei vettori che rifiutano controlli epidemiologici o in caso di un’ondata di contagi, ha detto un ministero del governo. Utilizzata a intermittenza da marzo nel tentativo di frenare il Covid19, la tecnologia di sorveglianza dell’agenzia antiterrorismo dello Shin Bet (servizi di sicurezza interni – n.d.r.) controlla le posizioni dei vettori confermati rispetto ad altri telefoni cellulari nelle vicinanze per determinare con chi sono entrati in contatto. Il metodo ha affrontato sfide nei tribunali e in parlamento a causa di problemi di privacy e domande sulla sua efficacia. Alcuni israeliani evitano di utilizzare in pubblico i telefoni cellulari nella speranza di non essere rintracciati e messi in quarantena.

Un comitato del governo che ha esaminato il tracciamento, ha deciso che non sarà stato esteso oltre il 20 gennaio, quando scadrà una legge che ne consente l’uso, ha detto il ministero.

“Lo strumento fungerà da rete di sicurezza, da applicare nei confronti dei portatori di Covid19 che non collaborano con l’indagine epidemiologica e in caso di un aumento significativo del contagio”, si legge in un comunicato. La sola sorveglianza ha rappresentato il 7% dei casi rilevati in Israele, mentre il resto è stato verificato dagli investigatori del ministero della Salute.

Israele, che ha una popolazione di 9 milioni di abitanti, ha segnalato 365.042 casi di coronavirus e 3.034 decessi. Dopo due blocchi nazionali, il paese potrebbe presto reimporre restrizioni nelle città dove i contagi sono in ripresa, hanno detto i funzionari.