Frantumando un altro record, 4.038 nuove infezioni diagnosticate giovedì; quasi 500 in gravi condizioni; i ministri danno il via libera al lockdown per frenare l’epidemia

Venerdì il ministero della Salute ha registrato il numero più alto di casi di coronavirus giornalieri, mentre Israele si sta preparando a settimane di blocco e restrizioni per frenare la diffusione del virus.

Secondo il ministero, giovedì sono stati diagnosticati 4.038 nuovi casi, superando leggermente il record del giorno precedente. Dei 33.920 casi attivi, 489 sono  in condizioni gravi, 134 dei quali in ventilazione. Altri 180 sono in condizioni moderate, con il resto che mostra sintomi lievi o assenti. Dall’inizio della pandemia, 146.542 israeliani hanno contratto il virus e 111.539 si sono ripresi.

Nessun decesso aggiuntivo è stato segnalato da giovedì sera, mantenendo il bilancio a 1.077. Anche i tassi di test sono stati incrementati, con oltre 47.000 condotti giovedì, con l’8,8% di risultati positivi. Mentre il numero di casi di virus è salito alle stelle, i ministri hanno votato ieri per imporre un blocco completo a livello nazionale a partire dalla prossima settimana prima del periodo delle festività.

Il blocco avverrà in tre fasi, secondo una dichiarazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Salute. Le date specifiche per ciascuna fase non sono state annunciate e l’attuazione della seconda e della terza serie di restrizioni dipenderà dall’esito della fase precedente, afferma il comunicato.

I media hanno comunicato che la prima fase entrerà probabilmente in vigore poco prima dell’inizio di Rosh Hashanah, il 18 settembre, la seconda fase intorno al 1 ° ottobre e l’ultima intorno al 15 ottobre. La prima fase delle restrizioni sarà la più severa, ma le regole si allenteranno se i livelli di contagi  diminuiranno. Il cosiddetto gabinetto del coronavirus ha approvato lo schema ieri e domenica si terrà una votazione a pieno titolo, con maggiori dettagli.

Nella prima fase delle restrizioni, il movimento degli israeliani sarà limitato a 500 metri dalle loro case. Le scuole saranno chiuse, fatta eccezione per l’istruzione speciale. Gli studenti di quinta elementare e superiori studieranno a distanza per tutta la durata del periodo di vacanza. Le imprese e il settore pubblico verranno chiusi nella prima fase, ad eccezione dei servizi essenziali, inclusi supermercati e farmacie.

Alcune preghiere pubbliche saranno consentite, ma i dettagli non sono stati ancora concordati. I ristoranti saranno chiusi, tranne che per la consegna. Le attività legate al tempo libero, intrattenimento, ricreazione e turismo saranno tutte vietate. Nella seconda fase non sarà consentito il transito tra le città. Le riunioni all’aperto saranno limitate a 20 persone e quelle al coperto a 10.

I ristoranti rimarranno chiusi, ad eccezione delle consegne, e le attività di svago e di intrattenimento e i centri commerciali saranno chiusi. I luoghi di lavoro non potranno ricevere clienti. Le scuole rimarranno chiuse.  Il settore pubblico opererà in un “formato di emergenza”, afferma la dichiarazione, senza fornire dettagli. Le aziende private, inclusi uffici e fabbriche, saranno limitate al 30-50% della capacità dei lavoratori e non potranno ricevere clienti. Chiunque sia in grado di lavorare da casa dovrà farlo, afferma il comunicato.

Nella terza e ultima fase, il governo imporrà il piano del “semaforo” dello Dr. Ronni Gamzu, che si rivolge a ciascuna città e paese in base al suo tasso di infezione.

Il piano ha lo scopo di differenziare le località in base ai rispettivi tassi di infezione da coronavirus, con i luoghi “rossi” soggetti alle restrizioni più rigorose seguiti da quelli “arancioni”, “gialli” e “verdi”, con questi ultimi che godono delle regole più sciolte in materia di folle negli spazi esterni e interni. I funzionari condurranno una valutazione alla fine di ogni fase prima di andare avanti, per confermare una diminuzione della morbilità e consentire al paese di entrare nella fase successiva.

Il trasporto pubblico sarà adattato per soddisfare le esigenze del pubblico durante tutto il processo. Il ministero delle Finanze, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il capo del Consiglio economico nazionale metteranno insieme una “rete di sicurezza economica” per gli imprenditori e i membri del pubblico impiego che si prevede dovranno affrontare difficoltà economiche durante il blocco.

Il voto ministeriale iniziale sul nuovo piano è avvenuto tra le crescenti preoccupazioni per il sistema sanitario israeliano travolto da un afflusso di pazienti gravemente malati. Giovedì Gamzu ha detto ai ministri che spera che le misure diffuse imminenti ridurranno il numero di casi giornalieri dagli attuali 3.500 a 600-700 infezioni – il livello approssimativo che Israele era al culmine della prima ondata della pandemia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui