Gli israeliani possono acquistare ufficialmente i biglietti della compagnia aerea Etihad Airways con sede ad Abu Dhabi, presentando una forte concorrenza a El Al sulle destinazioni dell’Estremo Oriente.

Etihad Airways, il vettore nazionale di Abu Dhabi, offrirà voli agli israeliani, verso destinazioni in Medio Oriente, Asia, Australia e altrove, dal suo aeroporto di Abu Dhabi. Questi non sono voli diretti da Tel Aviv, che sono ancora un sogno per il futuro, ma ora gli israeliani possono acquistare ufficialmente i biglietti Etihad Airways.

Etihad Airways è rappresentata in Israele da TAL Aviation. “Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un aumento della domanda in Israele e al ritorno del desiderio di viaggiare. Siamo entusiasti di collaborare con il nostro nuovo partner, Etihad, e di offrire ai viaggiatori israeliani la rinomata esperienza di servizio di Etihad per Abu Dhabi e altre destinazioni su la sua rete di voli internazionali “, ha affermato Nissim Sagis, VP Commercial di TAL Aviation.

La nuova offerta ai viaggiatori israeliani arriva sulla scia dell’accordo di normalizzazione tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti (EAU). Etihad Airways è una delle compagnie aeree più acclamate al mondo, in particolare per i suoi servizi di prima classe e business class. La compagnia aerea ha una flotta di circa 100 aeromobili con un’età media inferiore a sei anni, che le fa guadagnare premi e valutazioni elevate dei passeggeri. Nel 2019 ha trasportato 17,5 milioni di passeggeri e l’occupazione media dei posti era del 79%. Vola verso 84 destinazioni in 55 paesi e ora possiamo sperare che un altro paese del Medio Oriente si aggiunga alla lista.

La più grande compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti è Emirates, con sede a Dubai. Emirates vince costantemente i titoli di “migliore compagnia aerea del mondo” ed è considerata la compagnia aerea che offre il miglior servizio. Nel 2019, la sua flotta di 270 aeromobili ha trasportato 56 milioni di passeggeri. Emirates vola verso 157 destinazioni e impiega quasi 60.000 persone.

Pericolo per El Al

“L’ingresso di compagnie aeree dagli Emirati Arabi Uniti in Israele rappresenta un grande pericolo per l’aviazione israeliana, e in particolare per El Al”, afferma una fonte di alto livello del settore. “Anche prima della crisi e prima del cambiamento che deriverà dalla firma dell’accordo con gli Emirati Arabi Uniti, le compagnie aeree israeliane hanno perso denaro quando la politica Open Skies è entrata in pieno vigore.

“A differenza del caso delle compagnie aeree israeliane, i governi degli stati del Golfo e degli Emirati versano denaro in varie industrie, tra cui quella dell’aviazione. Hanno creato compagnie enormi e costruito nuovi aeroporti, con il basso prezzo del carburante a loro disposizione che li serve bene. L’obiettivo che si erano prefissati era conquistare il mondo e accrescere la loro quota di mercato nel trasporto aereo anche in altri paesi. Gli hub che hanno nei loro aeroporti collegano ogni continente. È una posizione eccellente per i voli per l’Australia, l’Estremo Oriente, e in Africa, il che significa che El Al, e le compagnie aeree come la Turkish Airlines che volano verso queste destinazioni, dovrebbero essere preoccupate, non solo per l’ottimo prodotto delle compagnie aeree degli Emirati Arabi Uniti, ma anche per le tariffe che offrono.

“El Al ancora non sa se otterrà un permesso permanente per sorvolare l’Arabia Saudita, a differenza del permesso una tantum per il volo per Abu Dhabi, ma anche se lo farà, Etihad ed Emirates sono in grado di conquistare il mercato israeliano per i voli verso l’Estremo Oriente “.

La stessa fonte afferma che potrebbero esserci cambiamenti sostanziali anche nel segmento cargo. “Nel cargo, fino ad ora, nessuna compagnia aerea israeliana vola in Estremo Oriente, e il carico viene trasportato principalmente su aerei passeggeri. L’ingresso di queste due compagnie potrebbe generare concorrenza anche qui, e anche aprire una buona opportunità di cooperazione”.  In tempi normali, il 70% delle merci aviotrasportate viene trasportato su aerei passeggeri e più cresce il traffico passeggeri, comprese Etihad Airways ed Emirates, più saranno in grado di conquistare quote di mercato nel segmento cargo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui