“La stanza d’ospedale del futuro” mira a dare un vantaggio ad Israele contro l’eventuale seconda ondata di virus

Con robot, occhiali per la realtà virtuale e sistemi di allerta per dire ai medici se i pazienti sembrano diretti verso una morte improvvisa, il Sheba Medical Center si prepara per un nuovo picco di virus

Consentendo ai robot e all’intelligenza artificiale di svolgere gran parte del lavoro e di tenere al sicuro medici e infermieri lontano da un paziente contagiato con occhiali di realtà aumentata, lo Sheba Medical Center in prima linea nella lotta COVID-19 ha svelato ciò che si diceva fosse la “stanza d’ospedale del futuro “. “Le tecnologie che stiamo introducendo e che abbiamo introdotto di recente ci daranno un vantaggio nella nostra preparazione per una seconda ondata”, ha detto Eyal Zimlichman, Chief Medical Officer di Sheba.

Eyal Zimlichman ha poi affermato  che il suo ospedale, appena fuori Tel Aviv, é il più grande destinatario di casi di coronavirus in Israele fino ad oggi, ed è “molto più preparato” per una seconda ondata di quanto non fosse per la prima ondata. La “stanza del futuro” è una struttura utilizzata per provare nuove innovazioni utilizzate dal personale docente. È un modello per come il personale spera che le stanze del campus comincino ad apparire mentre le tecnologie verranno installate nei prossimi mesi.

La sala comprende più di una dozzina di tecnologie che sono state implementate nelle ultime settimane o che saranno presto implementate in alcune parti dell’ospedale, in particolare nella struttura con coronavirus da 450 letti. Lo Sheba Medical Center ha avuto un ruolo nello sviluppo di alcune delle innovazioni, ma non tutte.

L’ospedale ha lavorato a lungo per rafforzare il ruolo della tecnologia nella cura dei pazienti, ma il COVID-19 è stato un importante “acceleratore” per la salute digitale, ha affermato Zimlichman. Ha spiegato che la pandemia ha costretto il personale a pensare in modo creativo al fine di prendersi cura delle complesse esigenze dei pazienti riducendo al minimo il contatto diretto con loro.

“Alcune di queste soluzioni erano già state testate é stato il COVID-19 a spingerci in prima linea e farlo funzionare”, ha detto Zimlichman.

Durante un  webinar lo Sheba ha mostrato filmati relativi a medici che trattano un ipotetico paziente coronavirus di 40 anni. Un robot lo ha collegato per una videochiamata con sua moglie, un sensore sotto il suo materasso ha monitorato varie statistiche, un’infermiera ha usato il coaching di realtà virtuale per riparare un ventilatore e l’intelligenza artificiale ha aiutato i medici a rilevare un deterioramento prima che accadesse. Una caratteristica della nuova stanza d’ospedale è un dispositivo che il paziente opera per condurre test basati sulle istruzioni di un medico o un infermiera/e che parla con loro attraverso uno schermo. Nella simulazione, un medico ha detto al paziente di collegare un termometro e altri accessori per ottenere un quadro della sua salute.

Per molte condizioni, i medici desiderano che la tecnologia fornisca un allarme tempestivo sul deterioramento, ma ciò è particolarmente necessario per il coronavirus, ha affermato Zimlichman. La malattia può comportare una morte improvvisa e i medici sono esigenti nel ricevere avvertimenti precoci. “È stato fondamentale per noi essere in grado di monitorare i pazienti e vedere con qualche ora di anticipo quando sarebbero peggiorati”, ha spiegato.

I medici dello Sheba Medical Center posizionano già dei sensori sotto i materassi in alcuni reparti per tenere traccia della frequenza cardiaca, della frequenza respiratoria e dei movimenti, l’intelligenza artificiale elabora i dati e avvisa i medici se i pazienti sembrano avere un peggioramento. “In genere ci dà un segnale da quattro a sei ore prima di un deterioramento”, ha detto Zimlichman, aggiungendo che questo è un tempo prezioso nel caso dei pazienti con coronavirus. Un altro sistema di allerta, ancora in fase di sviluppo, è un’app che monitora la voce di un paziente quando parla al cellulare. Può rilevare cambiamenti nella voce – o nella respirazione – che possono indicare un probabile deterioramento e avvisare il team medico se questo viene rilevato.

Con la tecnologia arriva il rischio di problemi tecnici, quindi la nuova stanza del paziente include una funzione che consente ai team di supporto tecnico per i vari dispositivi di aiutare i medici e gli infermieri a risolvere i problemi fornendo dimostrazioni usando la realtà aumentata. Indossano Microsoft HoloLens 2 “occhiali intelligenti di realtà mista”. Zimlichman ha affermato che la realtà aumentata è stata utilizzata in tutta la pandemia e si è dimostrata utile, poiché è difficile equipaggiare i tecnici di equipaggiamento protettivo per svolgere attività di manutenzione nei reparti di virus.