Israele: la spesa con carta di credito si avvicina alla normalità

Nonostante la disoccupazione ancora elevata, nella maggior parte dei settori gli israeliani agitano le loro carte di credito quasi come se il coronavirus non fosse mai accaduto.

La spesa per le carte di credito in Israele si è stabilizzata al 10-15% in meno rispetto al periodo precedente allo scoppio della pandemia di coronavirus, secondo i dati sull’utilizzo delle carte di credito pubblicati dalla Banca di Israele. I dati provengono da Shva (Automated Bank Services Ltd.) e sono suddivisi in sette categorie di spesa: farmacie; istruzione e tempo libero; catene di supermercati; materiale elettrico, abbigliamento e arredamento; turismo; ristoranti; e carburante e trasporti.

La spesa è tornata a livelli quasi pre-coronavirus, nonostante il fatto che il ritorno al lavoro sia stato più lento del previsto: alla fine di maggio il tasso di disoccupazione israeliano si è attestato al 23,5%, con 738.000 persone in cerca di lavoro. L’analisi della spesa aggregata mostra che la tendenza alla ripresa dopo il ritorno dell’economia alla normalità non é stato uniforme o lineare. Secondo i dati, la spesa totale per le carte di credito in Israele il 16 giugno si é aggirata attorno al miliardo di NIS, rispetto a circa 1,1 miliardi di NIS al giorno prima della pandemia. Gli ultimi dati sulla spesa non sono tuttavia solo inferiori a quelli di gennaio, ma inferiori a fine maggio: il 28 maggio, ad esempio, la spesa totale per carte di credito ha raggiunto 1,28 miliardi di NIS.

Tutti i settori in ripresa tranne il turismo

L’aumento della spesa subito dopo la revoca del blocco potrebbe essere dovuto alla spesa differita, in particolare per i beni di genere elettrico, che sono articoli relativamente grandi. Nei supermercati, che rappresentano circa il 20% della spesa, le vendite sono state elevate nel periodo immediatamente precedente la festività di Shavuot, che è caduta a fine maggio, e ciò potrebbe in parte spiegare il declino visto più di recente. Sembrerebbe che negli ultimi giorni la prima ondata di spesa si sia calmata e che i consumi privati ​​si stiano stabilizzando a circa il 10% al di sotto dei livelli pre-coronavirus.

Il turismo è l’unico settore che non ha visto quasi alcun miglioramento da quando le restrizioni al blocco sono state allentate. La spesa giornaliera delle carte di credito da parte degli israeliani nel turismo rimane inferiore di oltre il 60% rispetto a prima della pandemia. A metà aprile, il calo è stato dell’80%. La spesa per i ristoranti non è ancora tornata al livello pre-coronavirus, ma la tendenza al miglioramento iniziata alla fine di maggio è stata sostenuta. La spesa per le carte di credito in ristoranti e caffè il 14 giugno è stata del 12% inferiore al livello registrato il 14 gennaio. Il 7 giugno era inferiore del 30% e il 27 maggio inferiore del 50%.

Anche la spesa per l’istruzione e il tempo libero è aumentata, ma il divario rimane abbastanza ampio: il 16 giugno, la spesa in questi settori è stata del 17% inferiore ai livelli di gennaio. Tuttavia, ciò rappresenta un costante miglioramento: una settimana fa, il divario era del 24%; due settimane fa era del 33%; e tre settimane fa era del 37%.

Carburante e trasporto quasi tornati alla normalità

Nel settore dei carburanti e dei trasporti, la spesa è tornata quasi completamente alla normalità. La spesa per le carte di credito nelle stazioni di rifornimento il 16 giugno era solo del 3% inferiore al livello registrato il 14 gennaio. Al culmine della crisi, le spese per il carburante e i trasporti sono state di circa il 60% inferiori ai livelli normali. Nell’unico settore in cui i consumi privati ​​sono effettivamente aumentati durante il blocco, vale a dire le catene di supermercati, la spesa è ancora dell’11% superiore ai livelli di gennaio, ma all’inizio della crisi le spese dei supermercati sono aumentate di circa il 50% quando le persone hanno acquistato cibo e forniture in anticipo del blocco. Anche le vendite di articoli elettrici, abbigliamento e mobili sono state forti. La spesa per queste voci il 16 giugno è stata del 19% superiore rispetto al 14 gennaio. Anche qui, la spesa è stata ancora più elevata nel periodo immediatamente successivo alla revoca del blocco: nell’ultima settimana di maggio, gli israeliani hanno speso il 30% in più in media ogni giorno su questi elementi rispetto a quelli che avevano fatto poco prima dell’inizio della crisi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui