Con l’aumento dei casi in Israele,  l’Unione Europea lascia Israele fuori dall’elenco dei paesi autorizzati ad entrare

14 paesi hanno trovato l’accordo per ricominciare a volare e far ripartire il turismo. La riapertura al turismo dei cieli israeliani non sarà possibile se il tesso di infezione rimane cosi elevato

I cittadini israeliani (per intenderci, quelli che non hanno passaporto europeo n.d.r.) non saranno in grado di entrare in alcun paese dell’Unione Europea per almeno le prossime due settimane a causa dell’elevato numero di positivi in Israele Altri paesi degni di nota lasciati fuori dall’elenco sono gli Stati Uniti, la Russia, il Brasile, l’India e la Turchia. Tuttavia, l’elenco è considerato una raccomandazione e ai singoli paesi è consentito decidere autonomamente come procedere.

I cittadini dei seguenti paesi saranno ammessi nei 27 membri dell’UE e in altre quattro nazioni nella zona di viaggio Schengen senza visti in Europa: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia e Uruguay. I paesi considerati per la “lista sicura” dovrebbero inoltre revocare eventuali divieti che potrebbero avere in atto sui viaggiatori europei. L’elenco deve essere aggiornato ogni 14 giorni, con l’aggiunta di nuovi paesi e alcuni addirittura in calo, a seconda che mantengano la pandemia sotto controllo. Non si prevedeva che Israele fosse sulla lista dell’UE, poiché il numero dei casi di coronavirus è aumentato drammaticamente nelle ultime settimane. Di conseguenza, la direzione dell’intelligence militare ha avvertito in un rapporto di martedì che Israele non sarà in grado di riaprire più pienamente i suoi cieli come previsto il 1 ° agosto se la situazione non migliorerà.

Secondo il rapporto, il tasso di infezione in Israele è 2,5 volte superiore a quello utilizzato dall’UE per determinare l’ingresso di turisti stranieri, il che non consente più di 16 casi al giorno per 100.000 cittadini.

Il Regno Unito, che ha i propri criteri per determinare l’ingresso di stranieri, include Israele in un elenco di contee “rosse”, da cui i viaggiatori dovranno mettere in quarantena per due settimane dopo l’ingresso. I paesi “verdi” includono Austria, Barbados, Croazia, Germania, Nuova Zelanda, Grecia, Tailandia e Vietnam. I paesi da cui i viaggiatori non sono tenuti allo stesso modo a mettere in quarantena sono Australia, Canada, Danimarca, Giappone, Paesi Bassi, Singapore, Corea del Sud, Svizzera, Spagna, Italia, Francia e Belgio. Israele aveva sperato di iniziare a dare il benvenuto ai vacanzieri provenienti da determinati paesi il 1 ° luglio, ma l’attuale picco nei casi di coronavirus ha messo fine a questa previsione.

Gerusalemme era stata anche in trattative con la Grecia, Cipro e alcuni altri paesi che all’inizio di questo mese erano visti come a basso rischio per discutere la possibilità di una cosiddetta bolla di viaggio, ma nulla è stato portato a termine quando il numero di casi é  iniziato ad aumentare.

Martedì scorso, i ministri del governo hanno imposto nuove restrizioni alle riunioni pubbliche nel tentativo di arginare il crescente tasso di infezione del coronavirus, poiché il Ministero della Sanità ha registrato 765 nuove infezioni nelle ultime 24 ore. Il numero di casi attivi è salito martedì a oltre 7000. Di quelli diagnosticati, 52 erano in gravi condizioni, 24 dei quali su ventilazione. Il ministero ha anche riferito di un altro decesso, portando il bilancio dall’inizio della pandemia a 320. Il Ministero ha inoltre riferito che 18.624 test sono stati condotti lunedì mentre espanderà le sue capacità di test per ridurre la diffusione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Israele 360, clicca qui