Bambino siriano di 10 giorni é stato trasportato d’urgenza da Cipro a Israele

Un bambino siriano di 10 giorni è volato d’urgenza in Israele per un intervento chirurgico al cuore

Il neonato diretto al Sheba Medical Center di Ramat Gan per un intervento chirurgico per correggere un difetto cardiaco congenito

Il bambino é stato ricoverato ed è stato trasferito in un reparto di terapia intensiva aiutato con un respiratore, più tardi nel corso della giornata. Era la prima volta che il Sheba Medical Center, classificato come uno dei migliori ospedali del mondo – riceve un caso di emergenza dall’estero dallo scoppio della pandemia del coronavirus.

Questa tipologia di situazioni erano comuni prima dello scoppio della pandemia e coinvolgevano non solo gli alleati di Israele, ma anche paesi con i quali il governo di Gerusalemme non ha legami diplomatici, come la Siria e l’Iraq. Il padre del bambino rimarrà in ospedale fino a quando i medici non stabiliranno che il bambino può rientrare ed affrontare il viaggio, il che probabilmente richiederà diverse settimane.

L’ambasciatore israeliano a Cipro, Sammy Revel, ha affermato che lo sforzo di portare il ragazzo a Saba ha richiesto “l’approvazione speciale” da parte di Gerusalemme e il coordinamento da parte del ministero della salute di Cipro. Dal 2013 al 2018, Israele ha mantenuto un programma lungo il confine siriano che consente ai residenti nell’area, colpiti dalla guerra civile del paese, di entrare in Israele per cure mediche. Gli aiuti sono terminati formalmente nell’estate del 2018, quando il dittatore siriano Bashar Assad ha preso il controllo della Siria meridionale.